Waldner sullo Speed Opening: «Progetto da rivedere, errore di programmazione»

SOELDEN – In apertura della riunione di giuria del gigante maschile, Markus Waldner ha subito voluto dare alcune informazioni e precisazioni in merito alla cancellazione della tappa di Zermatt-Cervinia che si sarebbe dovuta svolgere il 29 e il 30 ottobre. Di fatto ha ripreso  i concetti e le dichiarazioni rilasciate alla stampa già nel primo pomeriggio. E, a differenza della parole del segretario generale Fis Michel Vion («Lo Speed Opening è un progetto unico e e nuovo, cui continuiamo a crederci»), va dritto al punto: «Questo progetto va tutto rivisto, dobbiamo trovare una soluzione idonea per questo evento». E parla anche di una riprogrammazione e di un cambio di data, visti «i cambiamenti climatici e l’estate calda: è troppo presto ora». 

In riunione di giuria aggiunge anche che si è trattato di un vero e proprio «errore di programmazione» invitando Fis, Fisi e Swiss Ski a sedersi intorno a un tavolo per riparlare del primo evento transfrontaliero della storia dello sci alpino. Sull’ispezione di questa mattina, effettuata da Hannes Trinkl e Raimund Plancker, Waldner ha specificato: «Dopo il sopralluogo dei nostri colleghi era chiaro che mancava neve nell’ultimo tratto: la decisione è stata piuttosto semplice da prendere, non c’era altra scelta, non poteva essere garantita la sicurezza degli atleti».

Congratulandosi con gli organizzatori per il grande lavoro fatto fino all’ultimo, Waldner ci tiene comunque a precisare che «È sempre triste annullare le gare, non siamo certo felici di cancellare questo evento unico, ma Madre Natura ci ha detto che non era possibile. Questi sono segnali che la natura fa rispettata e osservata». 

Le due gare maschili cancellate questa mattina non verranno recuperate: «Il calendario è molto fitto». 

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...