Già un mese di lavoro fra bici e palestra per Varettoni. E domani va a Rodi

Giù un mese di lavoro ‘in cascina’ per Silvano Varettoni. Il cadorino di Borca è gia al lavoro, anche perchè dopo gli Italiani Assoluti ha smesso di sciare. Eccolo: «Ero stanco, così ho preferito lavorare già da subito sulla resistenza, in modo particolare con la bici, e andar in palestra. Inoltre a fine stagione soffrivo un po’ per il mal di schiena, così ho cercato di lavorare ‘a secco’ anche dal punto di vista propedeutico». Per Silvano Varettori, ‘guerriero verde’, si tratta della seconda stagione con il gruppo Coppa del Mondo della velocità. Silvano è rimasto con Head per l’ottavo anno e con Thomas Tuti come skiman. Intanto da domani staccherà una settimana. «Con la mia fidanzata Lara ed amici andrò al mare a Rodi». ‘Varetta’ ci tiene a parlare dei Mondiali che potrebbe essere assegnati a Cortina. «E’ un appuntamento fondamentale per Cortina e soprattutto per lo sci e il sistema montagna italiano nel suo complesso. Speriamo davvero che la rassegna iridata possa essere affidata a Cortina. Faccio un grande tifo ovviamente!».