La parola ai coach dopo Sestriere

Dopo il primo ed il secondo posto in Coppa Europa abbiamo chiesto ad alcuni tecnici di raccontarci un po’ Marta Bassino…

ALESSANDRO SERRA – Il dt giovanile Alessandro ‘Capitan Futuro’ Serra non ci pensa due volte: «Marta è una grande, nonostante classe ’96, ha già una maturità impressionante e un gran talento. Se penso che potrebbe fare i tricolori Aspiranti e vince intanto in Coppa Europa e gareggerà in Coppa del Mondo…brava, brava, brava».

ROBERTO LORENZI – E Roberto Lorenzi, il responsabile delle C&B, il tecnico che conosce benissimo il circuito continentale? «E’ molto forte, e pensare che ha ancora margine. Deve ad esempio migliorare sui tracciati aritmici e quando la neve non è dura, ma Marta oggi è una bella realtà visto la giovane età. La Federazione deve stare dietro a questo talento».

FABRIZIO MARTIN – E Fabrizio Martin il tecnico del Comitato AOC? «Stupisce la serenità, il sorriso sempre stampato in viso. Non si lamenta mai, è molto scrupolosa con se stessa ma allo stesso tempo equilibrata. Cosa non facile per la sua età. Tecnicamente? Talentuosa, validissima».

MAURIZIO BASSINO – Allenatore fino all’ultimo anno di categoria Allievi nel Val Vermenagna è papà Maurizio, che comunque segue Marta nche quando è a casa: «Siamo stati a Sestriere a vedere le gare, c’è un buon livello, ed è per questo che la vittoria di Marta e il podio odierno hanno un grande valore. Sono felice certo, ma quello che ci ha stupito in positivo, e a dire la verità non me lo aspettavo, è stata la partenza subito così schioppettante a Levi. Come era Marta da piccola? Come adesso, ha sempre preso le cose con il giusto peso».

DANIEL DORIGO – Chiude Daniel Dorigo, coach C&B. «Stupisce per la naturalezza con cui fa le cose. Nello sci e fuori. E’ una atleta che si applica, ascolta, mette in pratica, è davvero un piacere avere a che fare con Marta».