Sulla Stelvio sempre più tosta, domina la pretattica. Hintermann il più veloce

BORMIO LIVE – Quando chiedi agli atleti com’è la pista Stelvio, dopo due giorni di prove, loro rispondono con una sola parola: «Tosta». Come sempre del resto, Bormio sa regalare sempre condizioni di neve particolari, su un pendio già impegnativo di suo. E così praticamente nessuno tira, se non chi deve acciuffare la qualifica. Tutti i big non forzano, qualcuno si alza nella parte alta, qualcuno tira il freno nelle ultime dieci porte. Alcuni provano solo ed esclusivamente un determinato tratto. 

Con tre gare in programma, impossibile pensare di fare anche due training a tutta velocità. E così regna la pretattica sulla Stelvio, ancora più dura e difficile di ieri. Il miglior tempo porta la firma dello svizzero Niels Hintermann, l’unico a essere rimasto un po’ più chiuso degli altri. Dietro si piazza l’austriaco Daniel Hemetsberger e lo svizzero Marco Odermatt, staccati però di 1”53. 

Dominik Paris ©Agence Zoom

Matteo Marsaglia, sesto, è il migliore degli azzurri, definisce la Stelvio come un «bel regalo di Natale» aggiungendoci però tutte le difficoltà del caso. Di poco superiore ai due secondi il suo ritardo, tre centesimi più veloce di Dominik Paris che ha provato solo la parte alta, alzandosi in modo molto vistoso nell’ultimo tratto. Come lui, appunto, anche Beat Feuz, dodicesimo tempo, Aleksander Aamodt Kilde, quattordicesimo, Matthias Mayer, ventitreesimo. 

Pietro Zazzi ©Agence Zoom

Tra chi invece era in qualifica, e ha dovuto spingere sull’acceleratore, c’è Pietro Zazzi, atleta di casa che ha strappato l’ottavo tempo e la qualifica per la gara di domani, lasciando così fuori Nicolò Molteni che ha concluso al ventinovesimo posto. Mattia Casse ha fatto segnare il tredicesimo tempo: «Una prova ancora solida su una pista ancora più tosta e lucida – racconta -. Domani sarà un’altra cosa ancora, perché le temperature si abbasseranno ed uscirà ancora di più il duro». Guglielmo Bosca ha concluso al 34° posto, 57° Christof Innerhofer, con 50° e 54° tempo per Matteo Franzoso e Giovanni Franzoni che gareggeranno invece nei superG.  

Altre news

L’avventura di Lara Colturi in Cile raccontata da Daniela Ceccarelli

Lara Colturi è entra nel mondo dei grandi. Si, perchè il circuito Fis è tutto un altro pianeta, è lo sci che conta davvero, è un'altra storia rispetto alla categoria Children. E subito in Sudamerica le prime gare per...

Fisi: Stefano Maldifassi si candida alla presidenza. «Ho in mente una Federazione nuova»

«Pensare e vivere gli sport invernali». Questo lo slogan che chiude un breve video realizzato per annunciare la candidatura in Fisi di Stefano Maldifassi. È ingegnere biomeccanico, cinque volte campione italiano di skeleton e allenatore di quarto livello; Maldifassi...

A La Parva Colturi centra una doppietta in slalom; Tranchina secondo in gara-2

Doppietta in gigante la scorsa settimana, bis ieri e l'altro ieri in slalom. Lara Colturi ha fatto uno-due anche tra i rapid gates di La Parva, dove si sono svolte altre gare Fis. Possiamo dire che in quattro gare...

Marsaglia lotta ancora con entusiasmo: «Conta essere veloci, non l’età»

Matteo Marsaglia non molla, anzi, rilancia. Il romano di San Sicario, trentasette primavere a ottobre, è deciso più che mai per un'altra stagione in Coppa del Mondo. Reduce da un'annata davvero positiva, dove fra le varie prestazioni confortanti ha...