Gli azzurri domani in superG

«Siamo una squadra forte, domani ci proveremo». Patrick Staudacher parla da campione del mondo. Sa che la Bellevarde è una pista difficile, ha provato anche uno sci più corto di cinque centimetri (un 205 che poi ha deciso di non usare), ma vuole essere della partita. Come gli altri azzurri. «Anche se mi vedo meglio in discesa», spiega Werner Heel. Ed allora occhi puntati su Peter Fill e Cristof Innerhofer: «Ma anche io preferisco la discesa», conferma Inner. «In alto bisogna essere aggressivi – ribadisce Pietro – poi è grumosa, alla fine ghiaccio vivo». Alla fine è Stefan Thanei il più sereno: «Mi sono trovato bene nel superG della supercombinata in Coppa del Mondo, domani non ho nulla da perdere».