In superG sul podio Tippler e ancora Huetter. Quindicesima Shiffrin

Le avversarie c’erano, sì, ma in realtà… non si sono viste. Perché su questa pista la regina delle nevi è ancora più forte rispetto ad altre. Niente da fare e una vittoria così netta non era tanto prevedibile, nonostante l’americana fosse ovviamente la favorita per il successo anche in questa disciplina. Lindsey Vonn fa tripletta a Lake Louise, come nel 2011 e 2012, si prende pure il superG dopo le due discese e sale a quota 70 vittorie in Coppa del Mondo, 25 in superG (mai nessuna come lei), portandosi a -16 da Stenmark. Sul tracciato canadese i successi sono ora 18, di cui 14 in discesa e 4 in supergigante. E vola in testa alla classifica generale di Coppa del Mondo.

GARA
– A parte un leggero controllo prima del muro, per il resto Lindsey ha sciato anche meglio, se possibile, rispetto alle due discese, senza un’imperfezione, senza errori, con linee strette, ma i giusti anticipi dove il disegno lo richiedeva. In più nel falsopiano finale ha avuto una marcia doppia rispetto alle avversarie. Risultato: 1’19”79 e buonanotte a tutte. Podio n° 116 per lei in assoluto.

OUTSIDER – Lake Louise si rivela comunque la pista della prime volte: dietro la regina ecco due austriache (Wunderteam in grande spolvero in Canada, anche perché sbarcato in nordamerica prima di tutti e si è potuto allenare molto a Copper Mountain) e seconda si piazza Tamara Tippler, a 1”32, migior risultato in Coppa del Mondo, ovviamente, primo podio e nuova dimensione, dopo il 16esimo posto in discesa che fino a ieri rappresentava il suo best nel circuito. Terza, ancora sul podio Cornelia Huetter, che esce super lanciata da questo weekend di gare, si prende il quarto podio personale in Coppa, il primo in superG, il terzo consecutivo in tre gare in Canada e dimostra di essere una delle poche valide alternative a Vonn in entrambe le discipline veloci. Quarta un’ottima Hanna Schnarf, a soli 14 centesimi dal podio, determinata, convinta, veloocissima e brava nella parte più tecnica. Per lei è il miglior risultato in Coppa del Mondo nella disciplina (non in assoluto), che va ad eguagliare se vogliamo il quarto posto olimpico di Vancouver 2010. Quinta Sejersted, anche per lei miglior risultato in coppa eguagliato; sesta Rebensburg, settima Lara Gut che aspettavamo più in alto, ottava Schimdhofer, nona una buona Nadia Fanchini, splendida nella parte tecnica, solo leggermente penalizzata da questa neve particolare nel tratto finale di puro scorrimento (su piste più tecniche potrà salire sul podio). Decima Tina Weirather, ancora lontanta dai suoi standar migliori in velocità (ed è inspiegabile, francamente), undicesima Francesca Marsaglia, per cui vale praticamente lo stesso discorso fatto per Nadia (bravissima nella parte ripida e più difficile). Male Goergl, fuori Kling.

SHIFFRIN – Buon esordio. Velocissima nella parte alta, Mikaela ha perso tanti centesimi nella parte finale del tracciato, ha lasciato comunque una buona impressione, ma forse era lecito aspettarsi qualcosa di più nel tratto centrale, quello più difficile, ripido, dove si girava maggiormente e dove la fuoriclasse del Colorado ha forse un po’ controllato alcuni passaggi. Chiaro, al primo superG di coppa va benissimo così. Crescerà e a breve potrà entrare nelle dieci. Intanto si prende 16 punti che però non le consentono di restare al comando della classifica generale.

ITALIA – Non bene le altre azzurre: 25esima Elena Fanchini, 26a Elena Curtoni senza commettere un solo errore, ma purtroppo senza nemmeno portare fuori velocità. Fuori Verena Stuffer, che si è rialzata anche un po’ dolorante alla gamba destra.

COPPA DEL MONDO – Con 300 punti in quattro gare, Lindsey Vonn si è ripresa anche la testa della classifica e il duello con Shiffrin è ufficialmente partito: i 16 punti di oggi portano Mikaela a quota 296, quindi le due sono divise solo da quattro lunghezze. Settima Brignone, oggi non in gara e comunque ancora nelle quindici della start list di superG, e ottava Nadia Fanchini. Prossimo weekend di gare ad Aare, in Svezia, il 12-13 dicembre con gigante e slalom.

Lake Louise Alpine Ski World Cup SG course is set and the expected snow never came: ready to race at 11:00 local time. Any predictions on today’s podium? #fisalpine Posted by FIS Alpine World Cup Tour on Domenica 6 dicembre 2015

Articolo precedenteBeaver Creek: comanda Hirscher. Ottavo Eisath
Articolo successivoBeaver Creek, trasferta costosa
Gianmario
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.