Ravetto: "Sicurezza? Tante parole, pochi fatti"

Il ct azzurro punta il dito sui materiali

Ancora sicurezza: anche oggi qualche caduta di troppo. Claudio Ravetto dice la sua: «Sono deluso lo ammetto – spiega il dt azzurro – speravamo che dalla Fis uscisse fuori qualcosa su questo punto, invece nulla. Hanno solo ascoltato, è vero, ma di decisioni nessuna. E’ inutile fare commissioni, siamo noi che andiamo tutti i giorni in pista e vediamo quello che succede agli atleti. Credo che ci sia ancora molto da fare: io punto il dito sui materiali. Non dico che bisogna tornare indietro, anzi sarebbe controproducente perché ormai gli atleti sono abituati a questo tipo di sci. Anche noi come allenatori abbiamo impostato il nostro lavoro sull’elasticità di questi materiali, soprattutto per gigante e slalom. Ma adesso bisogna riflettere su questo: anche perché ogni allenamento diventa a rischio. E’ come se un tennista si allenasse sempre sul tartan più veloce: è chiaro che c’è più spettacolo, ma quanti problemi fisici ci sarebbero? Dicono che le aziende non possono fermarsi, ma alla fine se continuiamo così rischiamo di perdere ogni gara un atleta: e che spettacolo ci sarà poi?».

Altre news

Innerhofer ad agosto sugli sci. Intanto bici e atletica

Fra i vari big degli sporti invernali al via della 35a edizione della Maratona Dles Dolomites c'era anche Christof Innerhofer. Classe ''84, altoatesino di Gais, si è cimentato nel percorso medio di 106 chilometri e 3000 metri di dislivello....

Flavio Roda nominato vice presidente della Fis

Prima riunione a Zurigo del nuovo Consiglio della Fis. Il presidente della Fisi, Flavio Roda, rieletto in consiglio con il maggior numero di consensi (114), è stato nominato vice presidente, insieme al ceco Roman Kumpost, al giapponese Aki Murasato...

A luglio tempo di elezioni anche in AOC e FVG

Dopo Alto Adige, Trentino, Liguria e Asiva, altri due comitati hanno fissato le date delle assemblee elettive. Sarà proprio il Comitato Alpi Occidentali ad aprire la tornata elettiva, visto che l’appuntamento sarà il 22 luglio nella Sala Convegni Coni a...

Le Traiettorie Liquide di Federica Brignone al Lagazuoi EXPO Dolomiti

Dal livello del mare a quota 2.732 metri, attraversando mari, laghi, fiumi e ghiacciai: le Traiettorie Liquide di Federica Brignone, partite dalle acque di Lipari nel 2017, sono arrivate tra le vette del Lagazuoi EXPO Dolomiti, il polo espositivo...