Festa in grande stile per Brignone. Compagnoni: «Oggi tutti nei pali, si scia poco in campo libero»

Il momento tanto atteso è arrivato: Federica Brignone ha finalmente potuto festeggiare i molteplici successi davanti ai suoi tifosi. Una festa in grande stile a La Salle, suo paese di residenza che ha scoperto nel 1996 (quando mamma Ninna Quario e papà Daniele si sono trasferiti) e che non ha più lasciato. 

©Race Ski Magazine

Il saluto post Giochi Olimpici di Pechino era stata solo una brevissima parentesi; la promessa di organizzare una grande festa è stata mantenuta. Per l’occasione non sono mancati nomi prestigiosi dello sci di ieri e di oggi. Sul palco Claudia Giordani, Deborah Compagnoni, Piero Gros, Paolo De Chiesa, Gustavo Thoeni e Giuliano Razzoli. Presenti poi tanti altri, come Matteo Belfrond, Daniela Merighetti, Stefano Dalmasso. 

©Race Ski Magazine

Fumogeni, foto e applausi per l’ingresso di Federica Brignone che ha finalmente potuto sollevare quel coppone vinto nel 2020 davanti al pubblico. Lo ha fatto anche davanti a Deborah Compagnoni, che Ninna Quario – sul palco – ha definito la sciatrice più forte di tutti i tempi. «Non me ne voglia mia figlia…». Deborah ha vinto 3 ori olimpici e 3 ori mondiali, Federica 1 coppa assoluta (unica italiana), 3 medaglie olimpiche e detiene il record italiano di vittorie in Coppa del Mondo. Durante la festa tanti sono stati i momenti in cui le due campionesse sono state messe a confronto. «Tanti complimenti a Federica – ha detto Compagnoni – So quanto è dura la vita dell’atleta, lei è sempre sorridente e serena. Ai tempi i pali e i tracciati non esistevano, erano un sogno, quando vedevi un tracciato correvi a farlo. Ora è il contrario: tutti nei pali e si scia poco in campo libero e in maniera libera. Questo vuole anche essere un messaggio». 

©Race Ski Magazine

Federica Brignone è stata l’ultima a salire sul palco, accompagnata dalla mascotte del progetto Traiettorie Liquide. E, dopo i saluti iniziali, ha voluto chiamare le persone per lei più importanti degli ultimi anni. Ha iniziato con il fratello Davide, per poi proseguire con papà Daniele, l’osteopata della squadra (ora passato allo snowboard cross) Luigi Devizzi, il preparatore azzurro Marcello Tavola (ora in Svizzera), lo skiman Mauro Sbardellotto (che è stato service anche della Compagnoni), il mental coach Roberto Greco e il management Giulia e Daniela Mancini. Via per altri impegni, ma ringraziato pubblicamente Federico Colli, preparatore personale. 

©Race Ski Magazine

Dopo i discorsi, i brindisi, il pranzo, la festa e i giochi per bambini. Una grande giornata che gli amanti dello sci non potevano perdere. Ecco, sarebbe stato bello vedere qualche ragazzo in più degli sci club locali… Non capita proprio tutti i giorni una occasione del genere.

©Race Ski Magazine

Altre news

A Bormio si lavora senza sosta per preparare la Stelvio

La Stelvio si prepara ad accogliere gli uomini jet della tradizionale tappa di Coppa del Mondo tra Natale e Capodanno. Due gare, magari tre, visto che a Lake Louise ieri sono tutti rimasti in albergo. Le precipitazioni nevose dei...

Lake Louise, salta la discesa di venerdì. Riprogrammata per sabato

Fatta la prima prova cronometrata, cancellata la seconda, abbassata la terza: alla fine il maltempo ha costretto gli organizzatori di Lake Louise a cancellare la discesa del venerdì (in programma alle 20.30 ora italiana), a causa della neve che...

La stagione del gigante femminile parte da Killington

Dopo la cancellazione di Sölden, la stagione di Coppa del Mondo del gigante femminile parte da Killington. Molte nazionali già da tempo in Nord America, la maggioranza a Copper Mountain, comprese le azzurre. E allora occhi puntati su Federica...

Val Gardena e Alta Badia pronte per la Coppa del Mondo

Tra tre settimane i migliori sciatori al mondo torneranno a fare tappa  Alto Adige, dove entrambi gli eventi di Coppa del Mondo si svolgeranno senza restrizioni e torneranno all'antico splendore grazie all'ampio programma collaterale. Prima si svolgeranno un superG...