Sereno, rilassato: Dominik Paris era a Frabosa Sottana, nel Cuneese, per ritirare la Castagna d’Oro. Selfie, autografi, poi una chiacchierata con il pubblico presente. Rientrato dall’Argentina, è già salito allo Stelvio e poi dalla prossima settimana si aggregherà al gruppo dei gigantisti. «Perché sarò al via dell’opening di Sölden», conferma. Un pensierino allora alla Coppa del Mondo? Se prima era una sorta di mission impossible adesso è difficile, molto difficile, ma non più impossibile. «Ci sono tanti altri favoriti prima di me; dovrei fare tutta una stagione come ho concluso l’ultima. E non è certo una passeggiata perché gli avversari sono tanti. Però i conti si fanno alla fine».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.