Condizione non al top, ma Brignone guarda oltre con la solita grinta

È una Federica Brignone carica e motivata come sempre, quella che abbiamo incontrato a Soelden durante la presentazione di Audi. Ma forse non ancora al cento per cento della condizione, lo dice lei stessa dopo giornate comunque positive trascorse in Val Senales, insieme a praticamente tutte le altre big del circuito. «Mi manca ancora qualcosa per essere al top della condizione, ma comunque partirò per giocarmi al meglio le mie carte – racconta -. Scio bene tecnicamente, manca però ancora un po’ di velocità. E un pizzico di fiducia». 

La motivazione però va di pari passo alla tranquillità. «Forse molto più del passato, sono pronta a indossare il pettorale, l’allenamento è una cosa, la gara un’altra». Il problema alla gamba, come già accennato durante il media day di Milano, è ormai un ricordo. Quando scia non ha più fastidio, in estate è riuscita a lavorare bene dal punto di vista atletico. «Nessun risentimento sulle tabelle di lavoro – dice -, sono tranquilla anche sotto questo punto di vista». 

Nuova stagione, nuova ripartenza, meteo permettendo. E quindi valori che tornano a essere una incognita. «Ci siamo studiate in Val Senales, con qualche atleta ho avuto modo di confrontarmi anche a Ushuaia, ma lì è troppo presto – dice -. Sulla Leo ho visto una Sara Hector che scia bene e forte, Mikaela Shiffrin è veloce e costante e poi molto, molto bene Marta (Bassino, ndr)». Considera anche Robinson, così come Petra Vlhova e Worley: «Tessa, come me, ha tanti anni di esperienza alle spalle. In questo momento forse non è velocissima, ma è una grande campionessa e merita sempre grande attenzione». 

Soelden? «Sono qui per metterci qualcosa in più, ma soprattutto fare meglio dello scorso anno (sorride, ndr) – dice -. Voglio prendere un po’ di fiducia, non ho grosse pressioni e non vedo l’ora di scendere in pista, davanti ai miei tifosi: sono contentissima siano ancora qui». 

Altre news

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...

Hector comanda a Killington, Bassino quinta e in lotta per il podio

Sara Hector risponde presente nel primo gigante della stagione, quello di Killington partito dalla partenza di riserva per colpa del forte vento. La svedese, data in grande forma già nei giorni pre-Soelden, è davanti a tutte dopo la prima...

A Bormio si lavora senza sosta per preparare la Stelvio

La Stelvio si prepara ad accogliere gli uomini jet della tradizionale tappa di Coppa del Mondo tra Natale e Capodanno. Due gare, magari tre, visto che a Lake Louise ieri sono tutti rimasti in albergo. Le precipitazioni nevose dei...