Fill o Paris nella storia? Ma occhio a Jansrud e alla…macumba di Svindal

Domani la grande sfida finale sulla Corviglia di St.Moritz per la Coppa del Mondo 2016 di discesa

0
Peter Fill in azione a St.Moritz in prova @Agence Zoom

Ci siamo. Ecco l’ultimo atto. Domani la grande battaglia sulla Corviglia. Alle 10 (diretta tv Rai Sport 1 ed Eurosport 1) l’Italia dello sci insegue la prima Coppa del Mondo della discesa. In passato sfiorata da Herbert Plank e da Kristian Ghedina, ma nessuno azzurro ha alzato al cielo il trofeo che decreta il discesista più forte della stagione. Manca una gara, la finale di St.Moritz. In testa alla classifica ci sono Aksel Lund Svindal e Peter Fill. A dire la verità è il norvegese il capofila della standing, perchè in caso di parità trionfa il fuoriclasse scandinavo perchè ha vinto più gare. E chissà cosa starà facendo Aksel, che è fuori dai giochi da Kitzbuehel…Forse starà preparando una macumba o qualche rito particolare per far venire il finimondo (dal punto di vista del meteo si intende) su questo angolo del Cantone dei Grigioni? Scherzi a parte, onore comunque a Svindal che fino alla caduta sulla Streif era il dominatore incontrastato della velocità.

IN CASO DI MALTEMPO, SI PROVERA’ FINO ALLE 15.30 – L’ipotesi di annullamento c’è, anche se in caso di neve e vento (come dicono le previsioni), si potrà slittare la partenza della gara fino alle ore 15.30 come ultima possibilità. In tarda mattinata si potrebbe aprire il cielo, ma è ancora tutto un’incognita. Vedremo, al tempo, almeno a quello, non si comanda, ma le ultimissime previsioni sembrano più possibiliste rispetto a quelle delle ultime giornate. Comunque se non si corre, vincerà Svindal.

FILL BRILLANTE IN PROVA SULLA CORVIGLIA – Peter Fill, il re di Kitz, ha vinto l’unica prova, anche se ha saltato una porta, e sembra digerire bene il pendio dell’Engadina. La pista dopo una parte di piano con uno schuss molto veloce dove si superano i 130 chilometri orari, è un pendio tecnico con curve e salti. Intanto in prova si è ben comportato Christof Innerhofer, che appena sente profumo di Mondiali e Olimpiadi va forte. Nel superG preolimpico coreano è salito sul podio, oggi in prova nella discesa preiridata ha chiuso ad una manciata di centesimi da Fill.

PARIS AMMACCATO MA FARA’ TUTTO PER ESSERCI E LOTTARE PER LA COPPA – Pietro ha 4 punti su Paris, recente vincitore di Kvitfjell.Tuttavia Dominik Paris è stato protagonista, come già scritto, di una rovinosa caduta. Un pò di botte sul lato sinistro, niente fratture, ma domani sarà un bel punto di domanda. Oggi pomeriggio, dopo la risonanza alla clinica Gut, ha detto che proverà ad essere al via in tutti i modi, ma la decisione ufficiale sarà presa dopo la notte. Sarà al cancelletto probabilmente Parigi, ma chissà in che condizioni. Vedremo. A una cinquantina di punti da Fill e Paris, c’è il norvegese Kjetil Jansrud, ancora in gioco ma oggettivamente svantaggiato rispetto ai nostri. E poi in corsa anche il francese Adrien Theaux, se vogliamo guardare all’aritmetica. Intanto sono 22 gli atleti al via: Paris numero 16, Jansrud 20 e 22 Fill. Domani si preannuncia una giornata davvero bestiale…forza Pietro! Forza Parigi!