Un villaggio olimpico blindato

Il villaggio olimpico è off limits: impossibile entrare, questa la decisione del comitato organizzatore per la tranquillità e soprattutto per la sicurezza degli atleti. L’unico modo per accedere è quello di avere un invito da qualche nazionale: si fa un check-in in ingresso, bisogna mostrare il passaporto, come per entrare in un altro paese. Eppure siamo a tre chilometri dal centro di Whistler. Il permesso vale solo 12 ore: dalla 9 di mattina alle 9 di sera. E’  davvero un piccolo paese: ci sono negozi (per esempio, quello di alimentari, oltre alla boutique olimpica), una palestra molto ben attrezzata, un’area per mangiare, una zona relax con internet e televisione, ci sono vialetti e stradine dove poter correre, un laghetto: tutto molto ‘rilassante’. Gli atleti dormono in chalet in camera doppie, piuttosto confortevoli, tutti con la bandiera appesa al balcone. L’unica nota stonata è la sistemazione degli allenatori: sono alloggiati in container, un po’ come quelli che vengono realizzati in caso di calamità. Una piccola caserma, con camere doppie e servizi igienici in comune. Nelle camere solo i letti, due armadi, un lavandino, oltre ad un piccolo angolo che può servire da cucina. Almeno per farsi un caffè al mattino.

Altre news

La Val Gardena cala il tris e recupera la discesa di Beaver Creek

La prossima settimana la Coppa del Mondo maschile farà tappa in Val Gardena, località che quest'anno cala il tris perché la Fis ha deciso di assegnare al comitato Saslong Classic il recupero della discesa cancellata qualche giorno fa a...

Arriva Race ski magazine 169 di dicembre

È arrivata la neve, le località aprono e l’inverno entra nel vivo. Ormai ci sarà una gara dietro l’altra fino al termine della stagione, dalla Coppa del Mondo alla Coppa Europa, passando per moltissimi eventi giovanili e i Campionati...

Il Collegio di Garanzia del Coni legittima definitivamente Roda presidente Fisi

Il Collegio di Garanzia del Coni si è nuovamente espresso in materia di eleggibilità del presidente della Federazione Italiana Sport Invernali Flavio Roda. In precedenza c’erano stati passaggi degli organi giudiziari Fisi e successivamente da parte proprio del Collegio...

Agazzi: «Goggia scia più sui piedi e così è maggiormente scorrevole»

Che esordio per Luca Agazzi. Pronti via una doppietta straordinaria con la sua Sofia Goggia E si, perchè da quest'anno il trio delle meraviglie (Goggia - Brignone - Bassino) può avvalersi di un tecnico di fiducia personale con la coordinazione...