Un giorno da turisti…

Oggi siamo 'saliti' in mezzo ai tifosi

Oggi non abbiamo ‘preso’ la corsia preferenziale per i giornalisti, ma abbiamo fatto la trafila dei ‘semplici’ tifosi per andare a vedere la discesa femminile. Il biglietto per vedere la gara nel parterre costa 100 dollari canadesi, compreso la navetta che porta da Whistler a Creekside. Ma tutto il mondo è paese: anche in Canada ci sono i bagarini. Stefano, tifoso della Fanchini arrivato qui con il fans club, ne ha sborsati 200 per vedere la gara. Stop alla screening line: come in aeroporto si controlla al metal detector bagaglio e persona. Inizia la fila per arrivare alla seggiovia quadriposto che porta al parterre d’arrivo. Tutti in coda: Anthony arriva da Vancouver, non è un grande appassionato di sci, ma vuole vivere lo spirito olimpico ‘live’ anche a Whistler, dopo aver comprato un biglietto per l’hockey, ma non quello della finale. Vediamo due volti conosciuti: Stefania Demetz e Gernot Mussner del comitato organizzatore della Saslong. «Non è che volete fare le Olimpiadi in Val Gardena…?». «Siamo qui per vedere, c’è sempre qualcosa da imparare: guarda, nessuna transenna per far organizzare la fila, nessuno che cerchi di passare davanti». Arriviamo in seggiovia e chi troviamo? Il presidente Morzenti. Per una volta non parliamo di questioni federali. «Sono riuscito ad andare a sciare un giorno – ci ha detto – la ‘gondola’ Peak 2 Peak è spettacolare, peccato che non siamo riuscito a ‘prendere’ la cabina che ha il fondo trasparente dove si può vedere quello che hai sotto di te. E poi pazzesco: nella seggiovia finale, ti lasciano alzare la sbarra anche in movimento per scendere in volo a fare neve fresca…». Arrivati sotto le tribune, Emily, volontaria di Squamish ci dice dove andare: noi puntiamo sul parterre. Dominik Paris è di nuovo qui, a vedersi la gara: lo fermano due canadesi, fanno la foto con il telefonino, ma neppure sanno chi è. Basta avere la divisa dell’Italia. Intanto gli svizzeri suonano i campanacci, i canadesi, più discreti, la campanella ufficiale dell’Olimpiade (costo 8 dollari), tutti con i famosi guanti rossi di lana addosso. Per oggi basta così, torniamo a lavorare.
 

Altre news

Flavio Roda nominato vice presidente della Fis

Prima riunione a Zurigo del nuovo Consiglio della Fis. Il presidente della Fisi, Flavio Roda, rieletto in consiglio con il maggior numero di consensi (114), è stato nominato vice presidente, insieme al ceco Roman Kumpost, al giapponese Aki Murasato...

Trentino, nello staff arrivano Menegalli e Ferrari

l settore sci alpino del Comitato Trentino della Fisi ha un nuovo staff tecnico per la stagione sportiva 2022/2023. Il riconfermatissimo direttore tecnico Matteo Guadagnini, con una rilevante esperienza internazionale, ha creato un nuovo gruppo di lavoro con allenatori...

Innerhofer ad agosto sugli sci. Intanto bici e atletica

Fra i vari big degli sporti invernali al via della 35a edizione della Maratona Dles Dolomites c'era anche Christof Innerhofer. Classe ''84, altoatesino di Gais, si è cimentato nel percorso medio di 106 chilometri e 3000 metri di dislivello....

A luglio tempo di elezioni anche in AOC e FVG

Dopo Alto Adige, Trentino, Liguria e Asiva, altri due comitati hanno fissato le date delle assemblee elettive. Sarà proprio il Comitato Alpi Occidentali ad aprire la tornata elettiva, visto che l’appuntamento sarà il 22 luglio nella Sala Convegni Coni a...