Sorrisi e amarezza per Paris: «Bene, ma peccato per qualche errore»

SOELDEN – Tranquillo e rilassato, Dominik Paris dà l’idea di essere davvero spensierato. Gira in zona mista, sorride e parla con tutti. Ha rotto il ghiaccio sul Rettenbach, non tanto per indossare “solo” il pettorale, quanto per far vedere i suoi progressi nella disciplina e per gareggiare in due manche. Ma anche questa volta è stato fuori di un nulla. «Aaah, peccato!» sono le sue prime parole. «Per poco, ho commesso due errori e il tempo si è alzato subito – racconta – Con questa neve abbastanza facile, con parecchio grip, ogni mezza frenata e sferzata la paghi. Peccato».

Ti aspettavi questo livello?
Nessun tentennamento… «Sì, ma sapevo anche che ci sarebbe voluto qualcosa in più, la manche perfetta, è mancato quel po’ per renderla tale e poter quindi partecipare anche alla seconda».

Dominik Paris insieme a Peter Fill, in ricognizione sul Rettenbach ©Fisi/Pentaphoto

Ora che è stata annullata la tappa Zermatt-Cervinia, quali sono i tuoi programmi?
«Riposo, oggi ho faticato tanto – ridendo aggiunge – Ho avuto tanti pali da fare, di solito faccio due giri così… Settimana prossima faremo qualche allenamento, non so ancora dove. Lo valutiamo a breve, altrimenti resto a casa e mi preparo a partire per Copper Mountain».

Tutto più snello, senza lo Speed Opening?
«Sono quasi contento così, era una cosa impossibile questa volta: in inverno non ha nevicato, in estate ha fatto caldissimo, anche qui oggi sembra di essere in estate. Un periodo difficile, quindi se non hai la pista intera, preparata e fatta bene, è inutile fare una gara. Se non hai larghezza, non puoi mettere le reti, è tutta una conseguenza. Ci vuole la neve, se non c’è non facciamo le gare, purtroppo è così e non possiamo farci nulla».

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...