Rettenbach lavorato e salato. Si parte alle 10. Waldner: «Manto compatto, la notte fresca ha aiutato»

SOELDEN – Gli atleti arrivano piano piano in zona mista, la ricognizione della prima gara stagionale è conclusa. Finalmente a Soelden è una bella giornata, ma su quello non vi erano dubbi. Piuttosto, a preoccupare, era il manto nevoso. Poco fa ha parlato Markus Waldner, raccontando del grande lavoro fatto ieri e mostrandosi sereno. 

«Ieri tempo balordo, ma hanno lavorato tutto il giorno la pista». È stata aperta con le macchine, è stato buttato sale e poi richiusa. E siamo ancora a ottobre, ci viene da aggiungere. «La notte è stata serena e c’è stato un leggerissimo abbassamento delle temperature intorno allo zero: abbiamo una pista compatta, non certo dura come al solito, ma possiamo contare anche su tantissimi lisciatori». 

Per la prima manche non c’è l’intenzione di salare, per la seconda si valuterà quanto scalderà il sole «anche se qui arriva da dietro». Come ultima ipotesi, c’è anche la partenza di riserva. Ma intanto Soelden si sta preparando allo spettacolo, tocca gli uomini inaugurare la Coppa del Mondo 2022/2023. 

Ad aprire il gigante, alle 10, sarà Alexis Pinturault, seguito da Manuel Feller e Marco Odermatt. Pettorale numero 7 per Luca De Aliprandini, 22 per Giovanni Borsotti, 34 per il jet Dominik Paris che quest’anno si è allenato parecchio in gigante. «Negli ultimi anni ho faticato in superG, così a Ushuaia ho deciso di lavorare tanto sulla tecnica – spiega Domme -. Ho deciso di gareggiare qui, Carca mi tiene questo posto, in base agli impegni di velocità cercherò di fare gigante». 

Carca che, in conferenza stampa, ha svelato che Domme non solo si è allenato in gigante, ma lo ha fatto confrontandosi anche con Mathieu Faivre e Alexis Pinturault, sul duro e sul barrato. «Ha fatto gigante vero, non propedeutico…». Paris che confida di non aver mai lavorato così, negli ultimi anni, in gigante. 

Altre news

Roberta Melesi lancia un bel segnale: «Ho tirato fuori quello che sto costruendo»

Dietro a Marta Bassino e Federica Brignone (ieri nona con alcune sequenze buone e altre da rivedere) c'è qualcosa che si muove. Ed è una bellissima notizia per il gigante azzurro e più in generale per tutto il movimento....

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...