Manfred Moelgg in rico oggi a Levi

Manfred Moelgg puntava al podio nello slalom lappone. Che carattere il senatore azzurro, che entusiasmo il ladino di Mareo, 37 primavere, che non si accontenta: «L’obiettivo era salire sul podio dopo il sesto posto della prima manche e un distacco non eccessivo dal terzo posto. Nella seconda manche ho perso un po’ il ritmo nella parte finale… Nel complesso sono soddisfatto della sciata che ho espresso, anche se posso fare ancora meglio e un decimo posto non può bastare. La Levi Black è insidiosa perchè non permette la minima sbavatura, non bisogna sbagliare nulla per essere davanti. Come inizio mi tengo una top ten, ma voglio di più, ovviamente non mi accontento». 

ECCO VINATZER – Afferma Alex Vinatzer dopo lo slalom di Levi: «L’obiettivo era stare nei dieci, ma ci sono andato molto vicino. Ho fatto qualche errorino di troppo, ma alla fine questo dodicesimo posto è il mio miglior risultato e sono partito quindi bene. Ho tanto margine, so che posso fare molto meglio già dai prossimi appuntamenti in slalom. Mi alleno anche in gigante, in futuro avrà modo di misurarmi anche in questa discipliina». 

Moelgg e Vinatzer