La grande fiducia e la solidità di Mattia Casse

Ci vuole la tecnica, ci vogliono le gambe, ci vuole anche la fiducia. Perché spesso puoi avere i primi due elementi, ma senza un mix di fattori, non sempre il risultato arriva. Mattia Casse durante questa stagione ha trovato le risposte che cercava da tempo, si è lasciato alle spalle momenti difficili e ora viaggia come un treno. Anzi, come un trattore a tutta velocità, che parla ancora una volta della voglia di trovare continuità. 

Il primo podio in Val Gardena rappresenta una svolta, il jet azzurro ha trovato la svolta e dopo due podi in discesa, oggi è stato capace di trovare la top 3 anche in superG. Una prima volta per lui, su una Olympia delle Tofane che piace a tutti, in una Cortina d’Ampezzo che non ospitava gare maschili di Coppa del Mondo da oltre 30 anni. «I primi risultati in Coppa del Mondo erano arrivati proprio dal superG – racconta -, fare questo podio è speciale, poi qui davanti al pubblico di casa, ancor di più». 

Una stagione da incorniciare per Mattia, che definisce solida. «È quello che voglio e quello che cerco, ora e in futuro – aggiunge -. Olimpiadi di Milano-Cortina? C’è ancora tanto tempo, ora è necessario finire bene questa stagione, poi pensare alla prossima». 

Il podio del primo superG di Cortina ©Agence Zoom

L’azzurro si avvicina a Odermatt e Kilde, che sembravano imprendibili, ma guarda alla realtà e tiene i piedi saldi a terra: «Oggi non sono così distanti vero, ma domani potranno essere già molto lontani – aggiunge – io mi sto avvicinando, ognuno fa il proprio percorso: domani è un altro giorno e partiranno di nuovo con il coltello tra i denti». 

Mattia Casse è ormai un solido punto di riferimento in casa Italia, che fino allo scorso anno si affidavano in modo particolare a Dominik Paris. Altra delusione per il plurivincitore di Kitz e Bormio, che quest’anno fa fatica, anche se qualche timido segnale si è visto in questo mese di gennaio. «Non gira, un po’ va meglio rispetto all’inizio della stagione – dice Domme – ma fino a quando non porti la prestazione fino al traguardo, non ha tanto senso».

Altre news

Fondazione Cortina incontra Atomic al quartier generale di Altenmarkt

Mancano diversi mesi al via della stagione invernale 2024-25 la quale, per il terzo "inverno" consecutivo (e fino al 2026), vedrà Atomic, il Brand leader a livello mondiale nel mondo dello sci, e Fondazione Cortina, l’Ente organizzatore dei grandi...

L’italiano Andrea Nonnato nuovo preparatore di Vlhová

Cambia il preparatore atletico di Petra Vlhová, che resta però legata all’Italia. Ha lasciato Marco Porta ed è entrato Andrea Nonnato. Il tecnico ha lavorato a Liptovský Mikuláš nelle ultime settimane, seguendo Petra nel suo ritorno ad alto livello dopo...

Addio a Piermario Calcamuggi

Addio a Piermario Calcamuggi. È morto ieri a Torino, dov'era ricoverato a seguito di un intervento chirurgico. Aveva 77 anni. Dopo l’intervento era stato in grado di parlare con la moglie Ita e con i figli, Matteo ed Elisa,...

Sofia Goggia, buone sensazioni sulla neve allo Stelvio: «Mi sento molto bene, sempre meglio»

Il ritorno di Sofia Goggia passa da Bormio e dal ghiacciaio del Passo dello Stelvio. A cinque mesi dall’infortunio, la bergamasca, dopo una prima uscita in pista alcune settimane fa, è tornata in ghiacciaio da venerdì per un altro...