Grinta e determinazione, Brignone più forte degli errori: «Un bel podio»

SAN VIGILIO DI MAREBBE – Gli errori della seconda manche non negano il sorriso a Federica Brignone, felice per il terzo gradino del podio. Ma il sorriso lo aveva già mostrato al termine della prima frazione, perché era partita con un po’ di tensione, voleva sfoderare ancora una volta il suo sciar bene e ben figurare davanti al pubblico di San Vigilio di Marebbe. Ci è riuscita alla grande nella prima metà di gara, non nella seconda. «Dove ne ho combinate di tutti i colori». Tanto che proprio non si aspettava di arrivare giù e vedere la luce verde. «Pensavo di essermi liberata dopo la prima manche e invece niente – racconta -. Non sono riuscita a prendere il ritmo e ho iniziato a rincorrere, senza trovare il ritmo». 

La valdostana, 32 anni, ha tenuto duro e festeggiato il podio 53 della carriera. «Sono orgogliosa di questo, un podio con una seconda manche come quella di oggi, è davvero tanta roba. I numeri? Non ho concluso la mia carriera e li guarderò solo alla fine, certo mi fa piacere, così come mi fa piacere condividere il podio con due atlete come Lara Gut-Behrami e Mikaela Shiffrin, da un decennio ce la giochiamo e ora stiamo sciando forte». 

Federica Brignone ©Agence Zoom

A premiarla, a sorpresa, mamma Ninna Quario, poi i palloncini con un 5 e un 3, per festeggiare il numero di podi in Coppa del Mondo. «Ma non mi piacere pensare ai numeri, mi sono emozionata quando mia mamma mi ha consegnato il premio». 

Un giorno speciale per tutto il Circus, quello di oggi, con Mikaela Shiffrin capace di collezionare le tanto attese 83 vittorie, una in più di Lindsey Vonn. «Già con le 82 ero al suo fianco sul podio, oggi di nuovo, spero che domani non arrivi l’84a, nel senso che mi piacerebbe essere là, sul gradino più alto del podio». E allora avanti tutta, domani altra grande occasione per ritoccare quei numeri che a Fede non piacciono: «Spero di essere meno tesa e di fare due manche tirate a tutta. E questa neve è perfetta». 

Altre news

Tanto azzurro nell’ascesa di Dzenifera Germane

«Tutti dicono che ha sempre sciato in Austria, ma lei ha davvero iniziato in Lettonia». Così precisa subito Simone Calissano, parlando di Dzenifera Germane, visto che il tecnico piemontese dall’ultima stagione segue la ventunenne lettone con l’Apex2100 International Ski...

Linea di continuità nelle squadre femminili azzurre

Pronte le squadre azzurre femminili. Tutto confermato per quanto riguarda il gruppo élite con quattro atlete, Marta Bassino, Federica Brignone, Elena Curtoni e Sofia Goggia, quattro tecnici di riferimento, Daniele Simoncelli, Davide Brignone, Paolo Stefanini e Luca Agazzi, sotto...

Ecco le squadre maschili. Rimane Innerhofer ma Gross da ottobre. Sale Talacci, scende Barbera

Ecco le squadre maschili di sci alpino per la stagione 2024-2025 agli ordini del direttore tecnico Max Carca. Christof Innerhofer doveva essere escluso considerate le prime riunioni, poi alla fine è stato inserito ancora nel gruppo Coppa del Mondo....

Il 20 luglio a Razzolo di Villa Minozzo sarà grande festa per Razzoli

La grande festa per l'addio alle gare di Giuliano Razzoli è fissata a Villa Minozzo, nel natale Appennino reggiano, in frazione Razzolo sabato 20 luglio. Sarà l'addio ufficiale alla magica carriera dello slalomista emiliano, oro a Vancouver nel 2010,...