Gli azzurri pronti alle sfide del Critérium de la Première Neige

Il Critérium de la Première Neige a Val d’Isère, una classica sulla Face de Bellevarde. Si parte sabato con il gigante, domenica poi spazio allo slalom (9.30 e 12.30 gli orari delle due manche per entrambe le gare). Anche in Francia, come a Sestriere, gli organizzatori hanno dovuto fare i conti con una copiosa nevicata alla vigilia. Sono dieci agli azzurri convocati: Luca De Aliprandini, Giovanni Borsotti, Simon Maurberger, Tobias Kastlunger, Riccardo Tonetti, Filippo Della Vite, Hannes Zingerle (per il gigante), oltre a Stefano Gross, Tommaso Sala e Alex Vinatzer che faranno solo lo slalom. Punta al riscatto Luca De Aliprandini: «Il primo gigante di Sölden non è andato molto bene per me, ma la sciata c’era, quindi sono tranquillo. Voglio ripartire bene. Mi sento bene, sono anche stato in Colorado ad allenarmi e poi in Alta Badia, dove ho trovato un buon feeling. L’obiettivo è tornare subito nei top sette: voglio fare una bella gara ed entrare nei primi cinque».
La pista sembra in buone condizioni: «Al nostro arrivo – le parole di Simon Maurberger – il fondo della pista era bello lucido. Qui sono abbastanza bravi a pulirla nonostante la nevicata: secondo me il fondo terrà sino alla fine».

C’è poi attesa per lo slalom. «Ci siamo allenati bene col nuovo allenatore Deldio – spiega Alex Vinatzer – per me poi, anche il feeling con i materiali è gradualmente migliorato. Sono veramente curioso di vedere cosa porterà questo primo slalom, soprattutto per il confronto con gli altri, poi si vedrà. La gara è sempre gara, ho avuto dei buoni riscontri fino adesso». Pista, quella francese che piace: «Sì, mi trovo bene – racconta Tommaso Sala – so che la neve è barrata e, anche se ha nevicato, so che faranno un gran lavoro. È la prima volta per me che parto con un pettorale tra l’8 e il 15, è un buon punto di partenza».
Sulla stessa linea Stefano Gross: «Una pista abbastanza adatta alle mie caratteristiche, preparata come sempre in maniera ottimale. Speriamo che anche quest’anno riescano a pulirla al meglio e cercheremo di tirare fuori una bella gara. Altre volte è andata così, non penso ci saranno grandi problemi».

Altre news

Il progetto “Juniors to Champions” di Atomic è realtà anche in Italia

Il progetto Juniors to Champions di Atomic è realtà anche in Italia. Il più grande produttore di sci al mondo, che ha come obiettivo quello di accompagnare i giovani ed emergenti talenti che puntano ai grandi palcoscenici, vuole fornire...

Gruppo Rossignol ha radunato i suoi 45 istruttori nazionali

Il Gruppo Rossignol chiama a raccolta i “suoi” Istruttori nazionali per presentare il nuovo progetto di “brands promotions”. In occasione dell’aggiornamento ufficiale della Fisi a Cervia, Rossignol, lo scorso 24 maggio, ha anticipato il momento di formazione organizzando una...

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...