Eyof 2023, dal fondo la prima medaglia azzurra: oro per Gabriele Matli

Da Sappada arriva la prima medaglia azzurra all’Eyof 2023. Arriva dal fondo, dalla 10 chilometri in tecnica tecnica. La stoccata d’oro è quella di Gabriele Matli, diciassettenne ossolano appena entrato nel Gruppo Sportivo Fiamme Gialle. Una passione tramandata di padre in figlio, quella del fondo. Vive in Valle Antigorio e studia Agraria per portare avanti l’attività di famiglia, quella della produzione del famoso formaggio Bettelmatt.

Gabriele Matli e Federico Pozzi

Nel nuovo stadio del fondo sappadino ha saputo gestire al meglio la gara, con materiali performanti, anche con un po’ di neve caduta prima e durante la competizione, e si è smesso alle spalle una coppia di svedesi, Simon Nordlander e Hugo Nilsson, che in pratica hanno fatto gara parallela, staccati tra loro di un centesimo, a 47 secondi da Matli.
Per la squadra azzurra anche l’ottimo quinto posto del bormino Federico Pozzi (a 10 secondi dal podio) e il nono del livignasco Niccolò Bianchi, mentre il valdostano Tommaso Cuc ha chiuso in ventunesima posizione.
Nella gara rosa, sulla distanza di 7,5 chilometri, la Svezia festeggia l’oro con Mira Goeransson che precede la finlandese Silva Kemppi e la tedesca Lena Einsiedler. La migliore delle azzurre è la portacolori dei Carabinieri Marie Schwitzer dodicesima, ventunesima un’altra altoatesina, Marit Folie, ventitreesima l’emiliana Anna Maria Ghiddi, ventinovesima la bergamasca Martina Bonacorsi.

Silvio Fauner e Pietro Piller Cottrer

Una medaglia d’oro a Sappada è un bel segnale. Nella patria degli sci stretti, dove le bandiere del fans club di Lisa Vittozzi sono un po’ appese ad ogni balcone, e dove due monumenti del fondo azzurro sono di casa, Pietro Piller Cottrer e Silvio Fauner. Di casa e in pista, visto che entrambi erano presenti sul tracciato con la divisa blu degli organizzatori. «Questa pista – ci hanno spiegato – è stata sistemata per questa rassegna. Il disegno precedente era un po’ datato, così è stato adeguato alle esigenze attuali. Abbiamo già fatto un test event in Coppa Europa, i riscontri sono stati positivi, diciamo che siamo pronti anche per la Coppa del Mondo».
Tracciato bello vario e impegnativo, con le salite dedicate ai tre campioni local, oltre che ai Camosci, lo storico club sappadino, sempre impegnatissimo nel crescere i giovani.

Altre news

Braathen operato di appendicite. Rientro per lo slalom iridato del 19?

Lucas Braathen è stato operato di appendicite acuta in Austria presso l'ospedale di Zell am See. Il fuoriclasse norvegese è stato dimesso in mattinata. Piinheiro ha accusato dolori forti all'addome durante una vacanza a Parigi dopo lo slalom di...

Alleghe, Pizzato gigante. Rigamonti (2°) si impone nel GPI Junior su Bertoldini e Claudani

Seconda gara ad Allegjhe: nel gigante Fis ottima prestazione dell'azzurrino Stefano Pizzato. Il C anticipa Leonardo Rigamonti Fiamme Gialle, quindi Andrea Bertoldini del Lecco AC, staccati rispettivamente di 42 e 56 centesimi. Bella prova dei due che si mettono dietro...

Coppa Europa, due top ten per le azzurre nelle discese di Chatel

La Coppa Europa femminile fa tappa sulle nevi francesi di Chatel con due discese e un superG, recupero di quello di San Pellegrino. Mercoledì, nella prima discesa, doppietta austriaca con Christina Ager che precede di 38 centesimi Nadine Fest,...

Limone, Platino si impone nettamente in gigante. Rosca anticipa Collomb e Marangon nel GPI

Seconda gara a Limone Piemonte griffata Equipe Limone e Ski College Limone. Ed è tempo di gigante Fis, con una netta vittoria dell'azzurra Elisa Platino che mette dietro di gran lunga altre due atlete della squadra nazionale: a 1.82...