Schwarz in azione sul Chuenisbärgli nella ghost Edition ©Agence Zoom

ADELBODEN LIVE – Finalmente Marco Schwarz: scaccia i fantasmi dal momento  che dimostra di essere capace di vincere in slalom (aveva vinto in combinata e city event). Regolare e continuo, il ’95 austriaco riesce a rimontare nella seconda manche e salire sul gradino più alto del podio. Aveva troppa necessità di una vittoria fra i pali stretti; d’altronde i campioni del suo calibro si consacrano solo con la vittoria: eccolo allora esultare nella finish area di Adelboden. E il successo arriva non in una gara qualsiasi ma invece sul leggendario Chuenisbärgli nello slalom della 65 edizione, la ghost edition come è stata chiamata dal comitato organizzatore bernese a causa della pandemia che obbliga le gare a porte chiuse. Distacchi minimi, tutt’altra roba rispetto ai due giganti.

Il podio dello slalom di Adelboden ©Agence Zoom

STRASSER E RYDING SUL PODIO – A 14 centesimi da Marco c’è il tedesco Linus Strasser: il vincitore di Zagabria è anch’egli protagonista di una rimonta che lo porta ancora sul podio. A 15 centesimi l’ottimo inglese Dave Ryding: fra Coppa del Mondo e Coppa Europa la nuova guardia inglese si fa spazio nello sci che conta. Complimenti. Dicevamo dei distacchi: quarto l’austriaco Michael Matt che perde il podio per due centesimi e poi arriva la svizzera con Loic Meillard, ieri terzo in gigante, Tanguy Nef e Daniel Yule. Si scioglie la Francia che era in testa nella prima sessione: Clement Noel scivola al settimo posto ma a soli 38 centesimi dalla testa della classifica, sbaglia e praticamente si ferma Victor-Muffat Jeandet secondo nella prima run

CLASSIFICA SLALOM ADELBODEN 

Strasser a tutta ad Adelboden ©Agence Zoom

MOELGG 14°, MAURBERGER 18°  – Manfred Moelgg fallisce il grande recupero, anche se prima del muro la sua azione era sicuramente efficace. Alla fine il sempiterno ladino di Mareo rimane in top 15 e stacca il 14° tempo con un distacco di soli 96 centesimi per la posizione che occupa. Un piccolo passo in avanti e potrà tornare con i big il nostro infinito capitano. Ci crediamo, ci contiamo. Recupera qualche posizione e fa 18° Simon Maurberger: il giovanotto della valle Aurina vede la luce dopo il brutto infortunio al ginocchio che ancora non ha smesso di infastidirlo. Maubi perde da Schwarz 1.32. 24° Tommaso Sala, 25° Riccardo Tonetti. Deraglia sulle nevi bernesi Giuliano Razzoli.

Moelgg in azione ad Adelboden Facciotti/Pentaphoto

VINATZER OUT NELLA PRIMA MANCHE – Non si erano qualificati per la seconda manche Stefano Gross, sfortunato in 31a piazza, Federico Liberatore e Tobias Kastlunger. Nonostante avesse tagliato il traguardo per quinto è stato squalificato per una inforcata nella tripla Alex Vinatzer.

Vinatzer nella prima manche di Adelboden ©Agence Zoom