A Sölden il più forte è Marco Odermatt

SOELDEN – Danza tra una porta e l’altra Marco Odermatt. E non è più una notizia, se mai una semplice conferma del suo talento e della sua classe. Inizia nel suo segno la Coppa del Mondo, vince e convince, con una prima manche solida, una seconda altrettanto piacevole da vedere, seppur con qualche rischio nel tratto alto. Non importa se la pista è liscia o se presenta qualche segno, lui risponde presente e si prende il primo gigante della stagione, quello di Soelden che è tornata in grande spolvero dopo gli anni del Covid e fatto ancora una volta il pienone. 

Un evento sempre piacevole e sentito un po’ da tutti, un primo giorno di scuola dopo mesi lontani dalle gare. In gigante, si riparte da dove si aveva finito. E cioè da Marco Odermatt che rifila 76/100 allo sloveno Zan Kranjec, che torna sul podio in Coppa del Mondo (nono della carriera) a distanza di un anno, quando proprio qui sul Rettenbach concluse al terzo posto, senza ovviamente considerare la bellissima medaglia d’argento nel gigante olimpico. 

E poi c’è Henrik Kristoffersen, con i suoi nuovi sci – che fanno discutere un po’ gli addetti ai lavori soprattutto dei materiali – che sembra (anzi, sono) un mix di più pezzi o meglio di più brand. È terzo, a 97/100 e davanti ad altri due connazionali. Lucas Braathen si piazza quarto, Rasmus Windigstad è quinto, recuperando ben sette posizioni. 

Alexis Pinturault davanti a migliaia di persone ©Agence Zoom

Ma la rimonta del giorno porta la firma di Tommy Ford, che sfrutta appieno una pista più pulita e recupera addirittura venti posizioni, passando dalla ventesima della prima manche (con pettorale 35) alla sesta finale. Scivola più indietro Loic Meillard, bel recupero anche per Stefan Hadalin (diciannove posizioni recuperate), mentre sprofonda Alexis Pinturault, che parte in salita e solo con un ventesimo posto. 

Tommy Ford ©Agence Zoom

Nel primo gigante di Soelden poca Italia. Dopo la prima manche si era qualificato solo Giovanni Borsotti, ma nella seconda il piemontese scivola in cima al muro e compromette tutto. Rimane dentro, arriva fino in fondo e chiude ventottesimo, a oltre cinque secondi e mezzo. 

Nei primi trenta, sei sono norvegesi (sette se si conta Kilde uscito nella seconda manche), nessuno come loro, neppure l’Austria e la Svizzera. Ma intanto là davanti a tutti c’è Marco Odermatt, che ha subito lanciato un segnale. E che risponde presente a una stagione che finalmente è iniziata. 

Classifica live

(news in aggiornamento)

Altre news

Divertimento e spensieratezza le parole d’ordine di Marta Bassino

Prima di Soelden, gli addetti ai lavori che hanno avuto modo di seguire le atlete in pista, parlavano di due atlete in grande forma: la svedese Sara Hector (ieri terza) e l'azzurra Marta Bassino. Ma poi quel gigante sul...

Kilde apre le danze della velocità con un successo a Lake Louise

La prima discesa della stagione è nel segno di Aleksander Aamodt Kilde. A Lake Louise il maltempo concede una tregua: visibilità spesso piatta, a volte con il sole, ma pista bella compatta. Il norvegese, con il pettorale 6, primo...

Killington: Bassino seconda dietro solo a Gut-Behrami. Nona Brignone, Melesi ottima 11a, primi punti per Colturi

È di Lara Gut-Behrami il primo gigante della stagione. L'elvetica ha vinto la prova di Killington - con partenza abbassata per il vento - con soli 7/100 sull'azzurra Marta Bassino che centra subito il podio, il ventiduesimo della sua...

Hector comanda a Killington, Bassino quinta e in lotta per il podio

Sara Hector risponde presente nel primo gigante della stagione, quello di Killington partito dalla partenza di riserva per colpa del forte vento. La svedese, data in grande forma già nei giorni pre-Soelden, è davanti a tutte dopo la prima...