A Cortina la rinascita di Stuhec, terza Curtoni! Altra caduta per Sofia Goggia

Davanti agli occhi di Giovanni Malagò – presidente del Coni – Sofia Goggia non riesce a concedere il bis, finisce a terra e spaventa di nuovo tutti. Due passaggi in volo scomposti, una caduta a terra, l’air bag che si gonfia immediatamente, ma senza problemi. L’azzurra si rialza subito e taglia il traguardo dell’Olympia delle Tofane, che ha ospitato la seconda discesa con partenza abbassata al Duca d’Aosta per il forte vento che soffiava già nelle primissime ore della mattina.

Sofia Goggia al traguardo ©Agence Zoom

Ma l’Italia comunque non scende dal podio nemmeno oggi, perché a sorridere è la valtellinese Elena Curtoni, che fa il miglior crono nel terzo settore e si inserisce in terza posizione, in una gara tirata e combattuta per il podio. Il terzo della stagione per l’azzurra, dopo lo splendido fine settimana di Sankt Moritz. La sua azione si è fermata a 34/100 dalla slovena Ilka Stuhec, che dopo il secondo posto di ieri sfrutta l’uscita della favorita Goggia e si prende una vittoria che lancia la sua seconda carriera. Anni difficili per la slovena, che ha cambiato sci in estate e che centra la decima vittoria in Coppa del Mondo. Non accadeva dal dicembre 2018, quando fece una doppietta in Val Gardena.

Elena Curtoni ©Agence Zoom

Nessuna è riuscita a impensierirla, ma subito dietro è stata bagarre per definire il podio. Elena Curtoni ha più volte “tremato” resistendo a tutti gli attacchi, tranne a quello della norvegese Kajsa Vickhoff Lie che sorprende e si infila al secondo posto, a 26/100. Curtoni salva il podio per un solo centesimo nei confronti di Lara Gut-Behrami e Ragnhild Mowinckel, staccate di 35/100 dalla vetta. Tre centesimi più veloce di Priska Nufer, sesta, 5 di Mikaela Shiffrin, settima. Poco prima di Sofia Goggia, rimasta ferma in partenza per alcuni minuti, era caduta anche l’austriaca Nina Ortlieb, finita nelle reti rovinosamente a poche curve dal traguardo. Un po’ sofferente, l’austriaca si è comunque rialzata arrivando nella finish area sulle sue gambe.
Le altre azzurre: diciassettesima Laura Pirovano, ventunesima Nicol Delago, ventiquattresima Nadia Delago, trentaduesima Elena Dolmen, trentaquattresima Karoline Pichler, quarantunesima Teresa Runggaldier.

 

 

Altre news

Braathen operato di appendicite. Rientro per lo slalom iridato del 19?

Lucas Braathen è stato operato di appendicite acuta in Austria presso l'ospedale di Zell am See. Il fuoriclasse norvegese è stato dimesso in mattinata. Piinheiro ha accusato dolori forti all'addome durante una vacanza a Parigi dopo lo slalom di...

Alleghe, Pizzato gigante. Rigamonti (2°) si impone nel GPI Junior su Bertoldini e Claudani

Seconda gara ad Allegjhe: nel gigante Fis ottima prestazione dell'azzurrino Stefano Pizzato. Il C anticipa Leonardo Rigamonti Fiamme Gialle, quindi Andrea Bertoldini del Lecco AC, staccati rispettivamente di 42 e 56 centesimi. Bella prova dei due che si mettono dietro...

Coppa Europa, due top ten per le azzurre nelle discese di Chatel

La Coppa Europa femminile fa tappa sulle nevi francesi di Chatel con due discese e un superG, recupero di quello di San Pellegrino. Mercoledì, nella prima discesa, doppietta austriaca con Christina Ager che precede di 38 centesimi Nadine Fest,...

Limone, Platino si impone nettamente in gigante. Rosca anticipa Collomb e Marangon nel GPI

Seconda gara a Limone Piemonte griffata Equipe Limone e Ski College Limone. Ed è tempo di gigante Fis, con una netta vittoria dell'azzurra Elisa Platino che mette dietro di gran lunga altre due atlete della squadra nazionale: a 1.82...