Waldner: «Probabile ritorno ai 30 metri di raggio. Combinata, da Kitz a S. Caterina»

Tantissime novità sono già uscite dal congresso FIS in Messico, alcune le svela il direttore capo della Coppa del Mondo maschile, l'italiano Markus Waldner

2
Il quarto da sinistra è Markus Waldner @Zoom Agence

Le prime news molto importanti da Cancun, in Messico, dove si sta svolgendo il Congresso FIS, arrivano direttamente da Markus Waldner, altoatesino, direttore capo della Coppa del Mondo maschile, intervistato dal sito ufficiale della Federazione. Ecco le sue parole su argomenti top, come raggio di curva in gigante (confermate le nostre anticipazioni), sorteggio dei pettorali in velocità e la prima importante novità in calendario: salta ufficialmente, come annunciato, la storica combinata di Kitzbuehel e verrà recuperata a… Santa Caterina! Nella notte italiana tra giovedì e venerdì, ricordiamo, verrà ufficializzata la candidatura Mondiale di Cortina 2021. Ma ecco Markus.

STAGIONE 2017 – «Subito dopo le Finali – dice Waldner – abbiamo iniziato a preparare la nuova stagione con tanti meeting e incontri, prima ad Aare, dove si terranno i Mondiali 2019 e poi ancora a St. Moritz. In Svizzera le Finali sono state un grande successo. Il lavoro è stato utilissimo anche per noi in vista dei Mondiali 2017: abbiamo ‘testato’ tutte le zone di partenza, anche quelle di riserva e di arrivo. Per il Team Event abbiamo innalzato lo start-gate. Dettagli da migliorare? L’accesso alle piste, per esempio. Ma in generale St. Moritz è più che pronta. Sarà un grande Mondiale».

NUOVO RAGGIO DI CURVA – «Abbiamo già avuto due meeting sulle nuove regole per gli sci da gigante. Dobbiamo raccogliere i dati, sia dal centro ricerca di Salisburgo fino al Trauma Centre in Norvegia. Un fatto concreto esiste: c’è stata un’evoluzione e gli sci da gigante con raggio da 35 metri non funzionano più, non solo in Coppa del Mondo, ma soprattutto a livello inferiore. Sono in tanti a richiedere un cambiamento e per la prima volta i marchi più importanti sono tutti allineati sulla stessa posizione, così come il 90% degli atleti. L’idea è quella di tornare a 30m di raggio già da Soelden 2017. Ma c’è un problema: qualcuno vorrebbe tornare all’antica, sì, ma dopo le Olimpiadi del 2018. La questione è principalmente legata al periodo in cui effettuare il nuovo cambio».

ORDINE DI PARTENZA IN VELOCITA’ – «Stiamo lavorando anche i direttori delle varie televisioni su questo argomento. Dobbiamo cambiare qualcosa per aumentare l’audience, al momento ci sono giunte quattro proposte. Ne abbiamo discusso e sembra che quella austriaca raccolga i favori della maggioranza: gli atleti dall’1 al 10 della WCSL per esempio di discesa sceglieranno uno dopo l’altro un pettorale dall’1 al 20, pari o dispari a seconda della prima scelta. Se il primo è pari, saranno tutti pari. Altrimenti tutti dispari. Gli atleti posizionati dall’11esima alla 20esima posizione nella stessa WCSL si contenderanno, per sorteggio, gli altri pettorali rimasti liberi dall’1 al 20. Infine gli atleti tra la 21esima e 30esima posizione, saranno sorteggiati in quella fascia di pettorali, proprio tra il 21 e il 30. La discussione prosegue, mercoledì 8 giugno si arriverà a una decisione definitiva».

CALENDARIO – «Cancellazione della combinata in Kitzbuehel? Il problema è legato al programma di venerdì, molto fitto a Kitz. Con il superG e poi lo slalom nel pomeriggio, la premiazione e il sorteggio dei pettorali per il giorno dopo alla fine è stato calcolato che non c’è il tempo necessario per gli atleti di riposare al meglio. Soprattutto in vista della durissima discesa sulla Streif. Dopo tutti gli incidenti della scorsa stagione, abbiamo deciso di lavorare per migliorare il programma. Dovevamo ascoltare i pareri degli atleti e gli atleti hanno detto che un venerdì così tosto e ricco di eventi non aiuta a preparare al meglio la discesa. Quindi per evitare ogni problema, il Comitato Organizzatore locale, la Federazione austriaca e la FIS hanno deciso assieme di cancellare la combinata al venerdì e tenere solamente il superG in quella giornata. Abbiamo tentato in tutti i modi di salvaguardarla, conoscendo anche la storia che sta dietro alla combinata di Kitzbuehel, analizzando tutte le opzioni, ma non è stato possibile trovare una soluzione migliore che salvaguardasse la tenuta fisica degli atleti in vista della discesa. Quindi la combinata cancellata verrà recuperata a Santa Caterina Valfurva, con superG e slalom. Con due eventi in questa disciplina in Calendario possiamo anche assegnare la Coppa di specialità che viene quindi mantenuta a livello maschile».

 

 

2 COMMENTI