Shiffrin sul podio al Sestriere (@Atomic-Gepa)

Vreni Schneider e Janica Kostelic le ha già staccate. Proell? Raggiunta. Ora l’obiettivo si chiama solamente Ingemar Stenmark. E’ infatti del mitico “Ingo” la striscia-record di vittorie consecutive nella stessa specialità nella storia della Coppa del Mondo. E per arrivare a quel traguardo, la campionessa di Avon ha deciso di concentrarsi sul gigante di Courchevel, lasciando da parte le prove veloci in Val d’Isere che scatteranno venerdì con la combinata alpina.

SHIFFRIN – Partiamo dal presente, da Mikaela Shiffrin e dal suo attuale primato, con un distinguo importante da fare: è vero che l’americana di Avon, Colorado, ha conquistato 11 slalom consecutivi in Coppa del Mondo (12 con i Mondiali di Vail/Beaver Creek), ma in realtà non si tratta proprio degli ultimi undici andati in scena in Coppa, bensì degli ultimi 11 cui lei ha partecipato, prima e dopo l’infortunio al ginocchio di Aare dello scorso dicembre. Cambia poco, ma è giusto per correttezza. I podi consecutivi, sempre tenendo presente questa prremessa, sono 14. La striscia vincente inizia a Maribor il 22 febbraio 2015, prosegue ad Aare, Meribel e, due volte Aspen. Poi si interrompe per 5 gare, dal 13 febbraio 2015 al 15 gennaio 2016, causa infortunio, e riprende il 15 febbraio 2016, a Crans Montana. Da allora non si è più fermata passando per Jasna, St. Moritz, Levi, Killington e Sestriere, con i più anche i Mondiali di Vail/Beaver Creek in mezzo. Ricapitolando, appunto, undici successi consecutivi negli ultimi 11 slalom disputati, dodici con i Mondiali.

Zuzulova-Shiffrin-Holdener sul podio a Killington (@Zoom agence)
Zuzulova-Shiffrin-Holdener sul podio a Killington (@Zoom agence)

PROELL – A livello femminile la striscia più lunga di vittorie consecutive nella stessa specialità apparteneva ovviamente ad Annemarie Moser-Proell, che dal 7 dicembre 1972 (Val d’Isere) al 5 gennaio 1974, a Pfronte, vinse undici discese libere una dietro l’altra. Tra i maschi Stenmark fece meglio: 22 podi consecutivi in gigante e, tra questi, 14 vittorie nell’arco di tre stagioni, dal 18 marzo 1978 (Arosa), passando per tutti i giganti della stagione 1978-1979 (dieci), fino al terzo dell’annata successiva, il 21 gennaio 1980 ad Adelboden. In realtà sono 15 se ci aggiungiamo anche quello dei Giochi di Lake Placid, 19 febbraio dello stesso anno. A Shiffrin mancano tre slalom per agganciare il campione di Tarnaby…

Wendy Holdener, Mikaela Shiffrin e Petra Vlhova: il podio di Levi in slalom (@Gepa Atomic)
Wendy Holdener, Mikaela Shiffrin e Petra Vlhova: il podio di Levi in slalom (@Gepa Atomic)
Articolo precedenteLIVE – Sestriere promossa a pieni voti
Articolo successivoTroppo caldo e poca neve, salta l’International Ski Games
Gianmario
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.