Nome nuovo e progetti solidi: ecco Ski Team Alta Badia

Nevi ladine-badiote garanzia di alto livello: Hannes Zingerle, carico per l’opening di Sölden, Samuel Moling, Matteo Canins e Manuel Ploner militano nelle squadre nazionali e altri come Alex Zingerle nelle Fiamme Gialle, Emmi Frenademetz, Ellen Pedevilla e Vicky Bernardi nel gruppo Comitato Alto Adige, sono dimostrazione di professionalità elevata. «Per mantenere alta la qualità dell’offerta agonistica-formativa bisogna costantemente rinnovarsi e aggiornarsi, confrontarsi con la letteratura scientifica e analizzare realtà internazionali allavanguardia senza mai dimenticarsi della propria identità e del retaggio culturale in cui si vive e si pratica l’attività», fa sapere il DS Thomas Valentini

STRATEGIE E PROGETTI SPORTIVI – In questo ultimo biennio, supportati dal presidente ed ex nazionale Stefan Thaler e coadiuvato dal direttore sportivo Thomas Valentini e tutto lo staff di 11 allenatori complessivamente, sono state attuate diverse strategie pedagogico-sportive implementando l`attività con nuovi progetti e un piano di lavoro ad hoc. Ci dice Valentini: «Il progetto Multiski partirà con la stagione 2019/20 e coinvolge le categorie superbaby e baby. In questa finestra temporale, oltre a praticare lo sci alpino, verrà data ai ragazzi la possibilità di conoscere e sperimentare diverse discipline di scivolamento quali lo sci di fondo, il biathlon, pattinaggio, snowboard, freestyle e telemark. Forte di una collaborazione con altre società sportive, i nostri allenatori affiancheranno gli esperti delle varie discipline. Poi il progetto Multisport, fortemente voluto dal nostro club, ha preso piede quest`estate e si è rivelato subito un successo. Vi hanno partecipato 140 ragazzi compresi fra i 6 e 12 anni che si sono confrontati con oltre 12 discipline sportive per 6 settimane di attività durante i mesi di luglio e agosto. Un vero e proprio gioco di squadra fra 12 società sportive che ha visto l`impiego di ben oltre 20 allenatori dei vari club. Quindi un progetto europeo Dual Carrier for alpine Ski Racers (DC4SKI) finanziato dal programma ERASMUS + SPORT che si propone di dimostrare come gli ambienti culturali, educativi e di lavoro che supportano la dual carrier per agonisti dello sci alpino sia vantaggioso non solo per gli atleti, ad esempio benefici per la salute a lungo termine a competenze che possono essere trasferite alla carriera scolastica e successivamente alla vita professionale, ma anche per lo sviluppo economico e sociale sostenibile delle aree montane in cui operano gli Ski Club. Il progetto mira pertanto a promuovere lo sviluppo delle best practices europee nel campo della dual carrier per gli atleti di sci alpino e, in una prospettiva a medio termine, a stimolare la creazione di Ski Academies europee. Perciò uno dei primi passi è stato quello di istituire la nostra Ski Academy a La Villa in Badia. A partire da quest’anno work in progress è la nostra Ski Academy a La Villa in Badia. In futuro non solo i nostri ragazzi ma anche atleti stranieri avranno la possibilità di frequentare le scuole superiori di La Villa e dedicarsi alla pratica dello sci alpino agonistico. Negli ultimi anni la nostra scuola ha sempre appoggiato la carriera sportiva dei nostri atleti locali senza mai trascurare l`impegno scolastico. Questa collaborazione crescerà nei prossimi anni sondando sempre nuove possibilità e strategie per rafforzare il binomio sport e scuola. Un esempio? A Novembre 2019, quattro atleti della categoria allievi del nostro Club voleranno in Colorado, a Copper Mountain per una settimana di allenamenti». 

COLLABORAZIONE CON I GENITORI E PROGETTI DIDATTICI – Inoltre, regolarmente due volte allanno vengono organizzati dei workshop insieme ai genitori. Lo scambio trasparente fra i diversi attori del fenomeno sportivo rafforza la collaborazione e la modalità di intervenire rispetto alle problematiche dell`attività in generale. Le ultime tematiche analizzate vanno dal cooperative working alla gestione del talento fino alle relazioni interpersonali e i ruoli assegnati alle diverse figure che girano all`interno del club. Ancora Valentini: «Non mancano di certo gli sport-specifici per incrementare le competenze nei vari campi quali la pesistica, l’acrobatica, gli allenamenti specifici mirati alla partenza e di skicross. Per queste occasioni ci avvaliamo di tecnici esperti e in alcuni casi di altre federazioni. Poi quest`anno abbiamo somministrato agli atleti delle categorie ragazzi e allievi la batteria di test atletici della federazione, denominata Fisi Young. Insieme al nostro preparatore atletico è stato possibile individuare fin da subito i punti di forza e le aree di miglioramento dei ragazzi. I test ci serviranno in secondo luogo a monitorare i ragazzi nel tempo come peraltro validare gli strumenti, mezzi e programmi di allenamento. Dalla categoria allievi in poi ci sarà la possibilità per i ragazzi di optare per un secondo binario formativo, chiamato Teacher, che li porterà in maniera graduale alla selezione maestri di sci. Questi verranno seguiti da un nostro istruttore nazionale durante il periodo invernale». 

Altre news

Grazie Razzo, è stato un lungo ed inimitabile viaggio

Oggi è arrivata la notizia ufficiale, da settimane nell'aria: Giuliano Razzoli ha detto basta. L'olimpionico del 2010 (suo due stagioni fa l'ultimo podio della squadra azzurra in slalom in Coppa del Mondo) lascia l'agonismo e noi vi riproponiamo l'editoriale di aprile...

Oreste Peccedi e l’idea della Stelvio di Bormio

Nel ricordo di Oreste Peccedi vi riproponiamo il racconto sulla nascita della Stelvio di Bormio, pubblicato sul numero 166 di Race Ski Magazine. Ci sono persone che quando parlano non finiresti mai di ascoltarle. Non servono tante domande, il loro...

Lo sci piange Oreste Peccedi

Lutto nel mondo dello sci alpino, è scomparso, a 84 anni, Oreste Peccedi ex allenatore della Valanga Azzurra, uno dei più importanti personaggi della storia dello sci alpino italiano. Peccedi, nato a Bormio nel 1939, cominciò a fare l’allenatore di...

Master istruttori, dopo l’orale i 12 accedono al corso: primo modulo teorico a luglio

Erano oltre 100 al gigante divisi in batterie sulle nevi di Livigno e poi l'altra selezione della prova degli archi sempre nella località dell'Alta Valtellina. Adesso l'ultimo atto con l'esame orale e la discussione della tesina a Milano nella...