Momento magico Abbruzzese: «Cinque medaglie, davvero un grande bottino»

Una medaglia d’argento in combinata ai Mondiali Junior in Canada a Panorama. Quindi tre medaglie d’oro ai Campionati Italiani Giovani di Bardonecchia in discesa, superG e combinata. Poi il bronzo ai Campionati Italiani Assoluti in combinata. E riguardo ai Mondialini sfiora il podio in superG, quarto. Va forte Marco Abbruzzese, classe 2002 e al penultimo anno di categoria Giovani. Genovese trapiantato a Mondovì, fa parte della squadra C di Andrea Truddaiu, Marco Gullino e Max Blardone ma per parte della stagione, in particolare per la velocità, si è affiancato al gruppo B di Max Carca e Peter Fill.

ECCO MARCO – Ci dice Abru: «La medaglia in combi a Panorama e le due a Bardonecchia confermano questa mia volontà di fare tutte le discipline. Mi è sempre piaciuta la polivalenza ed inoltre cimentarsi in più specialità aiuta anche a non fossilizzarsi se in una attraversi un momento non particolarmente felice. La tripletta ai Giovani è davvero significativa. Mi sono concentrato sulla classifica assoluta dei tricolori, poi sono arrivati questi successi. La stagione è stata positiva, anche se non è ancora finita. In discesa agli Assoluti ho chiuso quinto, ho fatto qualche punto nonostante Paris abbia ammazzato la gara, ma sono soddisfatto di essere avanti in classifica vicino ai big. Niente gigante, torno in pista per lo slalom degli Assoluti a Sestriere e poi il 30 e 31 a Courmayeur per i tricolori Giovani delle discipline tecniche. Per il futuro voglio avanzare in Coppa Europa in velocità, Sto facendo esperienza, forse quest’anno potevo fare qualcosa di più ma la concorrenza nel circuito continentale è davvero alta».

Podio combi italiani Giovani ©Elvis Piazzi

LEGGI ANCHE

LE ULTIME NOTIZIE