Milano Ski Team partecipa al progetto del Liceo Sportivo Cloe Giani

A Milano è nata un’eccellenza che vuole aiutare i ragazzi che praticano attività sportiva di alto livello e che quindi devono fare fronte a molti giorni di assenza, e Milano Ski Team ha aderito subito a questa iniziativa inaugurata a fine maggio. L’Istituto Cloe Giani è la scuola per gli Sportivi, nata per garantire la preparazione di un buon liceo senza rinunciare ad un’intensa attività sportiva ed alle competizioni.

«Tutto è nato da un’intento di progettualità – spiega Andrea Fontanella -, da una visione di scuola dinamica che parla con gli atleti e gli allenatori. Questo Liceo, il Liceo Scientifico Sportivo Cloe Giani, nasce dall’iniziativa di Stefania Giavazzi, professore universitario in materie giuridiche e mamma di Cloe Giani, giovane promessa del tennis mancata nel giugno 2021, alla quale questa scuola è dedicata. Il progetto prende avvio nel 2022 con il desiderio di creare la scuola che la fondatrice avrebbe voluto per sua figlia e che Cloe avrebbe voluto per sé. Due desideri spesso incompatibili, come sanno coloro che praticano sport ad alti livelli. Scuola di alto livello per non precludersi un futuro, e allo stesso tempo consentire di praticare lo sport che i ragazzi amano facendolo nel migliore dei modi».

Come? Riorganizzando i tempi della formazione didattica con meno carico di lavoro a casa e modalità di recupero con un metodo di didattica integrata. Riassunto: alla base c’è un motto Testa e Cuore che era il motto di Cloe Giani: testa come riorganizzazione e flessibilità e cuore come ascolto e accoglienza degli allievi e delle famiglie.

«In questo primo anno noi siamo una delle poche realtà milanesi – ancora Andrea Fontanella -, oltre ad esempio alla blasonata OlImpia basket Milano, ad essere integrata in questo progetto. Le opportunità scolastiche sono interessantissime, ci sono lezioni con telecamere dinamiche e con tutor dedicati. È un progetto che abbiamo condotto noi come sci club, e la parte bella è che non guardano solo all’atleta èlite, ma anche chi in ogni caso si impegna nel suo sport. Noi abbiamo due ragazzi, e speriamo di integrarne degli altri negli anni che verranno. La cosa più importante è che lo sport e la scuola spartiscano degli interessi, altrimenti viaggiamo su binari paralleli che non si incontrano mai».

Altre news

Il Cortina piazza De Zanna in azzurro. Gillarduzzi. «Forte tecnicamente ma anche di testa»

In tre anni due ingressi in squadra azzurra: bilancio sicuramente positivo per lo sci club Cortona che dopo Ambra Pomarè vede l'innesto in nazionale anche di Marco De Zanna. La parola al responsabile della categoria Giovani Roberto Gillarduzzi che...

Tanto azzurro nell’ascesa di Dzenifera Germane

«Tutti dicono che ha sempre sciato in Austria, ma lei ha davvero iniziato in Lettonia». Così precisa subito Simone Calissano, parlando di Dzenifera Germane, visto che il tecnico piemontese dall’ultima stagione segue la ventunenne lettone con l’Apex2100 International Ski...

Linea di continuità nelle squadre femminili azzurre

Pronte le squadre azzurre femminili. Tutto confermato per quanto riguarda il gruppo élite con quattro atlete, Marta Bassino, Federica Brignone, Elena Curtoni e Sofia Goggia, quattro tecnici di riferimento, Daniele Simoncelli, Davide Brignone, Paolo Stefanini e Luca Agazzi, sotto...

Ecco le squadre maschili. Rimane Innerhofer ma Gross da ottobre. Sale Talacci, scende Barbera

Ecco le squadre maschili di sci alpino per la stagione 2024-2025 agli ordini del direttore tecnico Max Carca. Christof Innerhofer doveva essere escluso considerate le prime riunioni, poi alla fine è stato inserito ancora nel gruppo Coppa del Mondo....