Memorial Fosson, condizioni invernali a Pila

«Pensa che una decina di giorni fa abbiamo rinviato una gara per la pioggia, adesso invece le condizioni sono invernali». Umberto Fosson da oltre una settimana è fisso sulle piste di Pila per mettere a punto i tracciati di gara del Memorial intitolato a Pietro Fosson.
«Lunedì siamo saliti con -5 – spiega il direttore tecnico dello sci club Aosta – in quota c’era -8: a 2.000 metri è inverno pieno».

Uno staff collaudato che lavora dietro alle quinte della manifestazione: una decina di tecnici al lavoro nei primi giorni, numero più che raddoppiato in quelli che precedono la manifestazione e che aumenterà ancora in occasione delle gare. Da giovedì a sabato sarà una tre giorni davvero intensa. «Il programma è rispettato proprio per le condizioni di innevamento ottimali. Solo per il gigante Allieve abbiamo deciso di mantenere la seconda manche sulla stessa pista per evitare spostamenti ad atlete e allenatori. E stiamo pensando di mantenere i quattro tracciati anche per l’ultimo giorno».

I primi club sono arrivati martedì sera, tutti gli altri nella giornata di mercoledì, quando alle 19 ci sarà la riunione dei capisquadra. Poi giovedì alle 8.45 lo start delle gare su quattro piste: una giornata piena con il gigante Allievi (su manche) e la doppia prova di slalom per i Ragazzi. Programma invertito il giorno successivo, prima del gran finale di sabato per celebrare il club che vincerà lo scudetto visto che per il secondo anno il Fosson è Criterium Italiano a squadre. E gara nella gara anche quella per il Race Future Club by Fisi, il circuito di gare ideato dalla nostra rivista, in collaborazione con la Federazione Italiana Sport Invernali, che premia gli atleti più costanti dell’intera stagione. Ultima occasione dunque (saranno presi in considerazione i risultati del gigante) per ottenere il pass per uno stage con i tecnici della Nazionale.

«Siamo pronti – conclude Umberto – confidando anche nel meteo. Come sempre l’obiettivo è quello di organizzare al meglio queste gare, forti dell’esperienza di ormai tredici edizioni. E come sempre tanto agonismo e altrettanto divertimento».

Altre news

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...