Lorenzi: «Credere in queste ragazze». Domani lo slalom iridato a Meribel

MERIBEL – Tocca alle slalomiste domani. E poi calerà il sipario sul Mondiale di Meribel, che ha visti il settore femminile protagonista con le medaglie di Federica Brignone e Marta Bassino. Roberto Lorenzi, il nuovo responsabile della squadra delle porte strette, fa il punto alla vigilia della gara analizzando la stagione delle quattro convocate. Eccolo il coach trentino: «Partiamo dalla 2003 Beatrice Sola che non fa parte del nostro gruppo ma domani si cimenterà nello slalom mondiale. Mi piace perchè ha quella importante capacità di far correre lo sci con efficacia. Per contro deve imparare ad essere più stabile e lavorare meglio le figure. Anita Gulli ha centrato due top 15 in Repubblica Ceca ed ha fatto uno step importante questa stagione. E’ più veloce su duro, sul liscio, adesso deve migliorare sui passaggi che si segnano e patire meno i cambi di ritmo. Lara Della Mea è entrata due volte nelle prime venti ma rimane ancora troppo discontinua nel complesso. Marta Rossetti, dopo un anno difficile, si sta mettendo in carreggiata anche se manca quella zampata, quell’acuto». Segnali ci sono stati nella formazione di Lorenzi anche se i risultati che contano non sono ancora arrivati. Non giriamoci intorno. Può accadere di tutto in una gara di sci intendiamoci, ma una medaglia ad oggi nello slalom iridato appare un miraggio. Segnali positivi va bene,  ma le quattro al via domani partono dalla trentesima piazza in poi (32 Rossetti – 35 Della Mea – 36 Sola – 40 Gulli). «Serve comunque stare il più davanti possibile domani, migliore la World Cup Start List e crescere con regolarità», continua Lorenzi. Dopo un periodo buio, insomma qualcosa si muove, si vede la luce. Ma c’è ancora tanto da fare dicevamo. Chiude Roberto: «Bisogna credere in queste ragazze e soprattutto è sbagliato non investire in quello che abbiamo oggi. E’ un errore pretendere a priori subito grossi risultati, dobbiamo avere la consapevolezza che ci vuole un po’ di tempo. Investiamo su quello che abbiamo, lavoriamo visto che una crescita di gruppo c’è». 

START LIST SLALOM DONNE MERIBEL

Lorenzi espone il suo pensiero, la sua linea. Le ragazze intanto arrivano alla spicciolata dall’allenatore responsabile del gruppo e insieme all’altro tecnico Thierry Marguerettaz guardano e analizzano le immagini video della rifinitura odierna. Sola è felice, sorridente. In un anno ottime gare in Coppa Europa salendo sul podio e poi il bronzo mondiale junior. Ed ora il Mondiale savoiardo con le grandi. Eccola: «Sono già riuscita a gareggiare due volte sulla pista di Méribel, quindi la prendo come una grandissima occasione. Non vedo l’ora di essere al cancelletto di partenza dello slalom». Primo Mondiale anche per Marta Rossetti che fa sapere. «Felicissima di questi primi Mondiali. Le ultime gare sono andate abbastanza bene, quindi sono fiduciosa. C’è un bellissimo clima in squadra e i primi risultati nel complesso si cominciano a vedere». Lara Della Mea sostiene: «Carica per la gara. Il fondo sarà duro nonostante le temperature in rialzo, quindi terrà anche con i numeri alti«. Chiude Anita Gulli: «La fiducia comincia ad arrivare. Una gara secca, con i primi quindici che vanno a punti, quindi sicuramente c’è un obiettivo. Attaccherà per mettercela tutta e vedremo come andrà». Appuntamento allora sulla Roc de Fer di Meribel alle 10, seconda sessione 13.30. 

Altre news

Ecco i 18 nuovi istruttori nazionali. C’è anche Nadia Fanchini

A Livigno, dopo 25 giorni di corso totali e in seguito ad un anno dall'esame di selezione, si sono svolti gli esami finali per i nuovi pretendenti istruttori nazionali di sci alpino. Sono 18 e fra questi c'è anche...

Gardena, successo per il Fis Speed Camp

Successo per il secondo Speed Camp in Val Gardena organizzato nella ski area Plan De Gralba sulla pista Piz Sella dal Saslong Classic Club, la realtà presieduta da Rainer Senoner che organizza la Coppa del Mondo maschile di velocità...

Lancia Torino, Croce: «Dopo Gulli, Cecere in azzurro. Nella categoria Giovani i risultati che contano»

In punta di piedi, senza strafare, senza dominare le circoscrizioni. Ma con metodo, quello della chiarezza delle priorità, quello dello step by step, quello del non fare proclami di guerra. E soprattutto il metodo dei fatti. Ecco lo Sci...

Il Tar dà ragione a Roda sulle elezioni: «Riconosciuto che operiamo nella piena legittimità»

Il Tar del Lazio, con sentenza n. 7101/2024, ha rigettato i ricorsi presentati da Stefano Maldifassi avverso la candidatura di Flavio Roda e gli esiti della assemblea che lo ha rieletto Presidente nel 2022. Il TAR ha giudicato i...