Lo sci perde Sergio Sanmartino. Serena Viviani: «Come un papà, è grazie a lui se sono arrivata fin qua»

Per chi vive ogni giorno il mondo delle gare e dell’agonismo, è impossibile non sapere chi è Sergio Sanmartino. Un tecnico stimato, carico di motivazione, che per anni ha cresciuto atleti. E che oggi se ne è andato, all’età di 67 anni, strappato alla vita da un male incurabile scoperto anni fa. Ha provato a lottare come un guerriero, ma questa volta non ce l’ha fatta. 

Sergio ha avuto un ruolo particolare anche nella crescita di Serena Viviani, giovane slalomista che è nata e vive sul mare, ma che sogna in grande sulle piste innevate della Coppa del Mondo. L’ha sempre seguita, nei periodi migliori e in quelli più brutti della carriera di Serena, intervallata da stop e infortuni. Ora Serena è là in alto, nel gruppo Coppa del Mondo e riconosce il ruolo che ha avuto Sergio fino a questo momento. «Un grande uomo e un grande allenatore che ha vissuto per lo sci – racconta Serena – amava il suo lavoro. Mi ha cresciuta come se fossi sua figlia e ha sempre creduto in me… anche quando nessuno lo faceva più. È grazie a lui se sono arrivata dove sono ora ed è grazie a lui se ho rimesso gli sci ai piedi dopo l’infortunio. Gli ho voluto bene come fosse un padre e lo porterò sempre con me».

«Sergio era un collega apprezzato da tutti, sia come allenatore che come persona e la sua scomparsa è una grave perdita per il movimento piemontese dello sci – sottolinea il Presidente del Comitato FISI Alpi Occidentali, Pietro Blengini – Operando a Sestriere ha formato generazioni di sciatori che hanno portato alto il nome del Piemonte a livello nazionale e internazionale. A nome del Consiglio, dello staff tecnico e amministrativo e di tutti i collaboratori del Comitato AOC esprimo le più sentite condoglianze e la commossa vicinanza ai familiari».

Altre news

Fisi: Stefano Maldifassi si candida alla presidenza. «Ho in mente una Federazione nuova»

«Pensare e vivere gli sport invernali». Questo lo slogan che chiude un breve video realizzato per annunciare la candidatura in Fisi di Stefano Maldifassi. È ingegnere biomeccanico, cinque volte campione italiano di skeleton e allenatore di quarto livello; Maldifassi...

A La Parva Colturi centra una doppietta in slalom; Tranchina secondo in gara-2

Doppietta in gigante la scorsa settimana, bis ieri e l'altro ieri in slalom. Lara Colturi ha fatto uno-due anche tra i rapid gates di La Parva, dove si sono svolte altre gare Fis. Possiamo dire che in quattro gare...

Marsaglia lotta ancora con entusiasmo: «Conta essere veloci, non l’età»

Matteo Marsaglia non molla, anzi, rilancia. Il romano di San Sicario, trentasette primavere a ottobre, è deciso più che mai per un'altra stagione in Coppa del Mondo. Reduce da un'annata davvero positiva, dove fra le varie prestazioni confortanti ha...

Vinatzer in Belgio: «Indoor per preparare l’Argentina. Contento del coach Del Dio»

Domani Alex Vinatzer effettuerà il secondo raduno sulla neve. Dopo quello di Saas Fee, il gardenese classe '99 con il team azzurro si prepara a quattro giorni nell'impianto indoor di Peer in Belgio. Eccolo Alex: «A Saas Fee alle 7.30 a...