Lavoro differenziato ad Amneville per le francesi

Tre giorni di slalom in capannone. Worley, seconda uscita dopo il rientro

Tre giorni di lavoro proficuo per le slalomiste transalpine nello Ski Dome di Amnéville, regione della Lorena, Nord-est della Francia, al confine con il Lussemburgo. Tutte presenti tranne Nastasia Noens, che si è fratturata un dito del piede poco prima di partire a causa di un banale incidente domestico. 

REAZIONI
– «Bel tempo, bella neve», dice scherzando Frédéric Perrin, responsabile del gruppo discipline tecniche, commentando il lavoro effettuato nel capannone. Ovviamente, il sole era all’esterno, la neve molto dura, all’interno. Tante manche da 30’’-35’’ secondi. «Direi che abbiamo realizzato l’allenamento che volevamo – prosegue – con qualcosa di diverso ogni giorno: lavoro sulle figure, variazione dei tracciati, ricerca della velocità sui piani, ecc. ecc.». 

WORLEY
– Il mini-raduno di tre giorni in Lorena è stata una nuova occasione da sfruttare per Tessa Worley, che ha ripreso confidenza con la neve dopo la prima uscita dell’11 luglio scorso, in Val d’Isere. Per lei ancora campo libero. Prossimo appuntamento sugli sci per slalomiste e gigantiste francesi sul ghiacciaio di Les Duex-Alpes, dal 30 luglio, prima della trasferta argentina a Ushuaia. 

 

Altre news

Fondazione Cortina incontra Atomic al quartier generale di Altenmarkt

Mancano diversi mesi al via della stagione invernale 2024-25 la quale, per il terzo "inverno" consecutivo (e fino al 2026), vedrà Atomic, il Brand leader a livello mondiale nel mondo dello sci, e Fondazione Cortina, l’Ente organizzatore dei grandi...

L’italiano Andrea Nonnato nuovo preparatore di Vlhová

Cambia il preparatore atletico di Petra Vlhová, che resta però legata all’Italia. Ha lasciato Marco Porta ed è entrato Andrea Nonnato. Il tecnico ha lavorato a Liptovský Mikuláš nelle ultime settimane, seguendo Petra nel suo ritorno ad alto livello dopo...

Addio a Piermario Calcamuggi

Addio a Piermario Calcamuggi. È morto ieri a Torino, dov'era ricoverato a seguito di un intervento chirurgico. Aveva 77 anni. Dopo l’intervento era stato in grado di parlare con la moglie Ita e con i figli, Matteo ed Elisa,...

Sofia Goggia, buone sensazioni sulla neve allo Stelvio: «Mi sento molto bene, sempre meglio»

Il ritorno di Sofia Goggia passa da Bormio e dal ghiacciaio del Passo dello Stelvio. A cinque mesi dall’infortunio, la bergamasca, dopo una prima uscita in pista alcune settimane fa, è tornata in ghiacciaio da venerdì per un altro...