Lacrime d’oro per Marco Odermatt, nuovo campione del mondo in discesa

Sulle tribune – finalmente gremite – di Courchevel è ancora festa svizzera. Marco Odermatt vince la sua prima medaglia iridata, perdipiù d’oro. Non che fosse un tabù per lui – in fondo è solo la sua terza rassegna iridata e ad Åre 2019 era poco più che ventenne -, ma la delusione per il quarto posto in superG l’hanno vista tutti in mondovisione. Oggi ha fatto la gara quasi perfetta, quasi solo perché non è stato il più veloce in tutti i settori, ma era quasi ingiocabile.

Marco Odermatt ©Agence Zoom

Ci ha provato, tanto per cambiare, il solito Aleksander Aamodt Kilde che ha pagato 31 nel secondo settore e 21 nel quinto, le parti un po’ più tecniche del tracciato. Il best crono nel finale è irrilevante (solo un centesimo su Odermatt) e così è di nuovo argento a 48 centesimi. E quando il norvegese ha tagliato il traguardo, lo svizzero prima ha pianto, poi abbracciato l’amico-rivale.

Marco Odermatt e Aleksander Aamodt Kilde ©Agence Zoom

Occhio ai canadesi, si diceva: James Crawford è stato a lungo sul terzo gradino del podio e poi è arrivato il compagno Cameron Alexander: i Canadian Cowboys fanno comunque grande festa con il bronzo. Poi è arrivato in mezzo ai due anche Marco Schwarz che ormai è sempre più discesista, oggi quarto e ovviamente il migliore degli austriaci.

James Crawford ©Agence Zoom

Per un bel po’ di tempo sembrava che ci fosse un Crawford di troppo per Florian Schieder: con il pettorale 1 è rimasto a lungo nel leader corner e poi sul podio virtuale, poi il canadese lo aveva scalzato per soli otto centesimi. E allora quasi quasi meglio un settimo posto che un legno con un margine così risicato. Settimo perché per un centesimo lo ha preceduto anche Maxence Muzaton che hanno fatto sognare i francesi, un po’ sconsolati per le prestazioni di Johan Clarey e del local, lui di Val Thorens, Adrien Theaux.

Florian Schieder ©Agence Zoom

Settimo Schieder, si diceva, ottavo Dominik Paris distaccati da un solo centesimo. Anche perché è una classifica cortissima, i primi due a parte: dal bronzo di Alexander all’undicesimo posto di Kriechmayr sono c’è un margine di meno di tre decimi. Matteo Marsaglia chiude il suo sesto Mondiale, partendo da Garmisch 2011, con il quindicesimo posto, ventesimo Mattia Casse.

Dominik Paris ©Agence Zoom

Altre news

La Fisi incontra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La Fisi è stata ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo le parole del presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’intervento del numero della Fisi Flavio Roda: «Oggi è una giornata che rimarrà nei nostri cuori e...

L’effetto Verdú sullo sci andorrano

Ad Andorra, adesso che la squadra di calcio è in piena zona retrocessione nella Liga spagnola 2 (la nostra serie B) lo sci è a tutti gli effetti lo sport nazionale del Principato. Non che prima lo sci non...

I norvegesi ripartono dal Trentino

Anche quest'anno la Nazionale norvegese ha scelto il Garda Trentino per il ritiro estivo, con allenamenti tra il Lago di Garda e le Dolomiti della Paganella. Dal 19 al 24 maggio, undici atleti ed i loro tecnici hanno sfruttato...

Pronte le squadre del Comitato AOC

Definite le squadre del Comitato AOC. Linea di continuità con la conferma degli allenatori Alberto Platinetti per il settore femminile, Ruggero Barbera per quello maschile e Alessandro Roberto in affiancamento per entrambe le squadre. Il responsabile Oriano Rigamonti ha...