Petra Vlhova in galleria del vento al Politecnico di Milano

Nonostante la stagione davvero complicata causa pandemia, è stato comunque un’annata agonistica che Extreme ricorderà per i risultati. In prima battuta la grande perla, ossia la vittoria della Coppa del Mondo generale di Petra Vlhova. La slovacca è e rimarrà griffata Extreme. Ma oltre a Petra anche tanti altri successi degli atleti italiani che difendono i colori dei Carabinieri e della Polizia. Agli Italiani Assoluti le medaglie d’oro di Federica Brignone (anche argento), Dominik Paris, Hannes Zingerle, Emanule Buzzi, Federico Paini dei Carabinieri. Quindi le medaglie con Roberta Melesi, Nadia Delago, Tommaso Sala, Vivien Insam e Karoline Pichler.

Federica Brignone

Anche a livello giovanile prestazioni rilevanti con la doppietta ai tricolori Junior del poliziotto Filippo Della Vite, quindi quella di Ilaria Ghisalberti dei Carabinieri. E poi i podi di Matteo Bendotti, Marco Abbruzzese, Sara Allemand, Alessia Guerinoni e di Edoardo Saracco che si è messo al collo anche tre medaglie ai campionati nazionali Aspiranti. E infine come non dimenticare il titolo di campionessa del mondo junior di Sophie Mathiou dei Carabinieri.

Dominik Paris

«Sono grato ai corpi militari e ai club che hanno creduto in noi e d inoltre anche ai tecnici che con il loro contributo hanno permesso alla nostra azienda di essere tra le prime a livello mondiale per prodotto e tecnologia. Facciamo un grande lavoro di squadra ricercando materiali innovativi principalmente prodotti in Italia. Un esempio? Le nostre tute da gara, sviluppate nella galleria del vento del politecnico di Milano, dove Vlhova, Buzzi e Casse hanno dato un supporto importante. Con loro ricordo erano presenti gli junior Andrea Armari (Sporting Campiglio) e Francine Rollet (ski club Chamole’) che hanno eseguito gli stessi test degli atleti. L’utilizzo in pista e i dati emersi in galleria del vento hanno fatto nascere una tuta da gara dalle grandi prestazioni che sara’ disponibile anche per gli atleti di tutti gli sci club. Sto parlando della Super Fast World Cup», chiosa il patron di Extreme Paolo Rossi.

Nadia Delago