In Fassa azzurri (dentro Vaccari) e svizzeri preparano Flachau. Sergio Liberatore: «Lavoriamo con obiettivo Coppa del Mondo»

Sulla pista Aloch di Pozza di Fassa azzurri e svizzeri al lavoro per preparare il doppio appuntamento di Flachau, dove sabato e domenica sono in programma due slalom di Coppa del Mondo. Nel Salisurgehese si correranno il quinto e sesto slalom della stagione di Coppa del Mondo 2021; una scelta travagliata quella della Fis, dopo l’annullamento di Wengen in un primo momento a causa di un focolaio e per il medesimo motivo anche a Kitz. E così allora un’altra volta la Aloch è protagonista di rifiniture d’eccellenza. Sergio Liberatore, direttore di pista, ci fa sapere: «Pista barrata, ottime condizioni. Cerchiamo di preparare al meglio questo pendio anche perché le squadre che si allenano a Pozza di Fassa sono sempre entusiaste. E questo ci rende ancora più disponibili e attenti. Lavoriamo con meticolosità con il sogno di poter organizzare uno slalom di Coppa del Mondo. E siamo disponibili anche per i recuperi». Che poi con tutti questi attestati di stima verso la Aloch in molti hanno pensato perchè non poteva essere proprio la severa pista fassana a recuperare gli slalom della massima serie maschile. Dal punto di vista alberghiero la valle è una garanzia e la location davvero comoda. Con il discorso della prevenzione al Covod-19 è stata un esempio per aver ripetutamente obbligato team ed addetti ai lavori nella due giorni di Coppa Europa di dicembre a test rapidi. Certo, Flachau era pronta dopo la gara femminile di Coppa del Mondo di qualche giorno fa, poi chiaramente in Val di Fassa era necessario organizzare tutta la strumentazione per la diretta televisiva e allestire una finish area idonea, inoltre in tempi di pandemia gli esperimenti sono tutt’altro che facili, ma in futuro questa pista per le caratteristiche tecniche potrà essere presa davvero in considerazione.

COMPAGINE AZZURRA – Vedremo. Tornando ai ragazzi, sono presenti anche russi e bulgari oltre ai plotoni alpini già citati. La compagine azzurra è composta dall’atleta di casa Federico Liberatore, Manfred Moelgg, miglior italiano ad Adelboden 14°, Alex Vinazter,podio a Madonna di Campiglio, Stefano Gross, Tommaso Sala, Giuliano Razzoli, Simon Maurberger, Riccardo Tonetti e un nuovo innesto, Hans Vaccari.

Il finale della Aloch e il paese di Pozza ©Pez

Altre news

Settembre, mese di elezioni nei Comitati regionali. Nuova assemblea in FVG?

Un mese intenso per le elezioni del rinnovo dei consigli regionali della Fisi. Il 3 settembre si apre a Milano (all’Auditorium Testori del Palazzo Regione Lombardia) e a Roma (nel Palazzo delle Federazioni Sportive) con le assemblee elettive di...

Uk Sport taglia i fondi, gli inglesi della neve tremano e Ryding lancia un crowdfunding

Quale futuro per gli sport invernali britannici? Non roseo, come ha comunicato la stessa GB Snowboard (Federazione) ai suoi atleti. Sci alpino, fondo e nordico paralimpico non sarebbero più ritenuti idonei, dalla UK Sport, per ricevere i finanziamenti del...

Nello skiroom azzurro di Landgraaf

Ore e ore dietro agli sci. Lo fanno sempre, a maggior ragione quando sono in raduno negli skidome, dove il filo si mangia in fretta. Lavoro frenetico per gli skiman, che a volte non hanno avuto neppure il tempo...

Il ritorno di Peterlini: «Tanto, ma tanto lavoro dopo due operazioni»

«Sono tornata». Martina Peterlini ha rimesso gli sci ai piedi nei giorni scorsi. Lo ha fatto dopo un lungo stop, durato quasi otto mesi da quel 16 dicembre dello scorso anno, quando nello slalom di Coppa Europa di Valle...