Festa italiana al parterre in Val d'Isere (@Zoom agence)

Travolgente, o quasi, in pista; moderata e saggia a parole. I fatti dicono che Sofia Goggia da Bergamo Alta è legittimamente in corsa per la Coppa del Mondo generale, ma l’atleta delle Fiamme Gialle non ne vuole sentir nemmeno parlare (nessuna italiana ha mai vinto il trofeo assoluto). Forse anche giustamente. Si vive alla giornata e ci si gode il momento (cinque podi in sette gare disputate), in attesa che arrivi anche la prima vittoria nel circuito. Ecco le sue parole rilasciate alla FISI dopo il terzo posto nella Combinata Alpina in Val d’Isere, primo podio in carriera nella specialità, quinto in stagione in quattro discipline diverse. Un record per l’Italia dello sci femminile.

Sofia Goggia in slalom a Val d'Isere (@Zoom agence)
Sofia Goggia in slalom a Val d’Isere (@Zoom agence)

PIEDI PER TERRA – «Probabilmente oggi ho perso la gara in discesa – racconta – perché l’ho affrontata molto tranquilla, soprattutto nella prima parte, mentre nella seconda ho cambiato un po’ marcia. Poi al pomeriggio nello slalom sono stata discreta: nonostante il poco allenamento in questa specialità, se parto con il piede giusto sono conscia di potere fare bene perché il clima della coppa del mondo è sempre diverso rispetto a quando si affronta una manche in allenamento. Quindi ho cercato di tenere botta, senza commettere errori troppo grossi. Questo podio vale tanto, sapevo di avere la potenzialità per puntare in alto, ma non sai mai come sciano le altre. Adesso ci aspettano una discesa e un superG che affronterò con la stessa serenità e voglia di ottenere il massimo risultato, senza alcun assillo di classifica generale. Quella lasciamola a ragazze come Shiffrin e Gut, non è cosa che mi riguarda».

 

Sofia Goggia al parterre in Val d'Isere (@Zoom agence)
Sofia Goggia al parterre in Val d’Isere (@Pentaphoto)
Federica Brignone all'arrivo della discesa in Val d'Isere (@Zoom agence)
Federica Brignone all’arrivo della discesa in Val d’Isere (@Pentaphoto)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.