Giornata di sfide intense a Vipiteno. Alto Adige sul gradino più alto del podio

Se sabato il meteo aveva messo i bastoni tra le ruote dello skicross under 11, nella giornata di domenica non avrebbe potuto essere più bello. Nel cielo dell’Alta Val d’Isarco non c’era nemmeno una nuvola e il vento temuto si è manifestato soltanto come una leggera brezza. Nello skicross under 12 è arrivata subito una vittoria insperata da parte di un’atleta di casa. Carmen Gschliesser (Ratschings) con il tempo di 1’06”33 ha dato un distacco di poco superiore al secondo e mezzo alla seconda classificata, Alyssa Borroni del Crammont Mont Blanc (che ha bissato l’argento vinto il giorno prima nello slalom). Terzo posto ancora per l’Alto Adige: Isabel Wisthaler dell’ASV Taisten. Nella gara maschile sembrava potesse trionfare il trentino Riccardo Vender dell’Anaune, ma l’atleta con il pettorale 104, Michael Thaler (Sarntal), lo ha superato migliorandone il tempo di più di mezzo secondo. Terzo posto Giovanni Ceccarelli (Golden Team Ceccarelli), dopo aver vinto lo slalom di ieri.

Nello slalom under 11 ha trionfato Samuel Prantl dell’AS Meran. Nella prima e unica manche disputata, ha tagliato il traguardo con 29 centesimi di vantaggio sul trentino Filippo Farina dello Ski Team Fassa. Sul terzo gradino del podio è salito Luca Davare dell’Arabba. Nella gara femminile successo di Astrid Neve Polotti (Bormio) che ha rifilato 40 centesimi ad Angelica Platinetti (Bardonecchia). Terzo gradino del podio per Hannah Mahlknecht del Kastelruth. 

Subito dopo lo slalom a Monte Cavallo, le sciatrici e gli sciatori under 11 si sono diretti a Racines-Giovo, dove hanno disputato la gara di skicross rinviata il giorno prima. L’altoatesina Letizia Sophie Wenter Heiss dell‘ASC Sarntal è stata la più veloce sulla pista di skicross accorciata. E ci è riuscita con il minimo vantaggio possibile, precedendo di un solo centesimo Bianca Manenti (Sporting Campiglio). La terza classificata è Carolina Di Pascale del Bardonecchia. Distacchi non così ravvicinati nella prova maschile. Il vincitore Yuri Colturi (Golden Team Ceccarelli) è stato 56/100 più veloce di Emanuele Croce del Lancia. Al terzo posto si è classificato Pietro Desogus del Borgata Sestriere. Il Comitato Alto Adige ha vinto la speciale classifica.

 

Altre news

L’impegno di Sima continua

Enzo Sima è pronto per restare in consiglio federale. Il friulano ha scelto di sostenere Alessandro Falez come presidente e subito spiega le sue ragioni: «Innanzitutto il mio impegno per la Fisi continua, ho a cuore questo mondo. Abbiano...

Da Soelden a Soldeu, tante occasioni per staccare un biglietto e assistere alla Coppa

La prima neve è arrivata, i ghiacciai stanno riaprendo, le squadre stanno ultimando le lunghe trasferte oltreoceano e si apprestano ormai - chi prima e chi dopo - a rientrare e a fare ritorno sulle nevi europee. Ormai si...

Dallocchio, i quattro punti per la Fisi del professore della Bocconi

Professore universitario alla Bocconi, Maurizio Dallocchio si candida come consigliere nella prossima assemblea elettiva. «Sono un cittadino, la mia casa è Milano, ma amo da sempre la montagna e un giorno vorrei andare a vivere lì. E ovviamente sono...

Persio Pennesi, la sicurezza al centro del programma

Francesco Persio Pennesi è un volto conosciuto nel mondo dello sci. Avvocato - e maestro di sci con esperienze in Italia ed all’estero tra Bariloche, Valle Nevado, Aspen e St. Moritz -, ha concentrato le sue conoscenze lavorative sulla...