Marta Rossetti

Gli incidenti aumentano, Energiapura studia la soluzione creando una divisone “performance and safety” alla quale fanno riferimento, nella propria ricerca e produzione di dispositivi di sicurezza, tre settori distinti ma complementari: protezioni da impatto (paraschiena, parastinchi, braccia e ginocchia, corpetti Slalom), medicali (mascherine, scalda collo) e anti-taglio (intimo sottotuta, guanti). «La sicurezza è quindi impegno che ci vede protagonisti e ci obbliga, ancora prima della “commercializzazione” all’informazione ed alla formazione. Dobbiamo formare i tecnici, i dirigenti, gli atleti dei club alla cultura della protezione in gara ed in allenamento e questa è la ragione della presente comunicazione sull’importanza della prevenzione e, nell’attualità, sull’infortunio che sta aumentando sia come casistica sia come gravità, come è quello da taglio».

Lucas Braathen

Energiapura ha realizzato, ormai da quattro anni, dei capi anti-taglio con tessuti certificati, testati non solo dai migliori atleti di Coppa del Mondo, poi richiesti e acquistati proprio dalle Federazioni. «I test sul campo sono stati completati dalle prove in galleria del vento indossando il capo sotto la tuta da gara, in funzione del massimo confort ma anche della verifica d’incidenza sulla performance. Anche la Fis si è attivata in questo ambito, creando una task force dedicata al problema con l’obiettivo di una propria valutazione finalizzata a un auspicabile obbligatorietà a livello di Coppa del Mondo» aggiungo dall’azienda. 

Per acquistare i capi anti-taglio, Energiapura ha creato un programma che coinvolge i punti vendita specializzati EP PLUS.