E’ Kilde l’uccello predatore: battuto ancora Odermatt. Marsaglia 16°

Birds of Prey, nome della pista di Coppa del Mondo di Beaver Creek, significa uccelli da preda. Ed è il norvegese Aleksander Aamodt Kilde l’uccello predatore sulle nevi del Colorado., che porta a quindici i successi nella massima serie e otto in libera. Il campione scandinavo brucia per l’inezia di 6 centesimi lo svizzero Marco Odermatt e lo supera ancora in discesa dopo Lake Louise..

Kilde esulta ©Agence Zoom

Sono loro in più in condizione del momento, sono loro i più pericolosi e fanno il vuoto sul pendio statunitense. Infatti i distacchi aumentano. A 79 centesimi da Kilde il canadese James Craword, che comunque conquista un podio di valore dietro a quei due mostri. Perde il podio per un centesimo l’austriaco Matthias Mayer. Quinto a 94 centesimi ancora un austriaco, Vincent Kriechmayer. Sesta piazza invece per il tedesco Romed Baumann a 99.

Odermatt in volo ©AgenceZoom

GUARDA LA CLASSIFICA DELLA DISCESA DI BEAVER CREEK

E l’Italia? Non sono davanti gli azzurri. Il primo è Matteo Marsaglia, che su questa pista si era imposto dieci anni fa in superG. Il ‘romano di San Sicario’ termina 16° ma peccato perchè per 25 centesimi era in top ten. Gara insomma più che discreta per Matte, che è apparso in condizione e quindi durante la stagione sarà capace di graffiare. E’ uno dei senatori azzurri della velocità e quando non ha problemi fisici può togliersi ancora delle soddisfazioni. Il nostro fuoriclasse assoluto, Dominik Paris, che quest’anno si allena con un rapporto stettissimo con Alberto Ghidoni è 20 a 1.73. Sembra in salita la strada per vincere la Coppa del Mondo di discesa? Ora si, ma mai dire mai, il gigante della Val d’Ultimo ci ha abituato nel bene a davvero tutto. Mattia Casse in evidenza in prova, stacca il 22° tempo finale prendendo dal vincitore 1.84. Bene Nicolò Molteni che cresce gara dopo gara: 25° a 2.01 il comasco di Cambiate. E si infila nei trenta anche un buon Florian Schieder: con il 53 il giovanotto dell’Alpe di Siusi è a 2.24 in 28a piazza. Guglielmo Bosca 30°, dopo l’11° tempo di Lake Louise in superG. E per 5 centesimi perde la 30a posizione Giovanni Franzoni che era al via con il 59: bravo ed in crescita il 2001 azzurro. Non va a punti Christof Innerhofer attardato oltre i due secondi e mezzo. Fuori dai trenta anche Pietro Zazzi. Domani superG. Poi tutti in Europa destinazione Val Gardena.

Paris

 

 

Altre news

Già in vendita i biglietti per i Mondiali di Saalbach

Messe in archivio le finali di Coppa del Mondo, a Saalbach si pensa ai prossimi campionati del mondo che andranno in scena dal 4 al 16 febbraio 2025, mettendo già in vendita i biglietti per la rassegna iridata. First...

Grande festa di chiusura per il Comitato Alto Adige

Tempo di festa, visti anche i risultati, per la tradizionale chiusura stagionale del Comitato Alto Adige. Qualche numero: nello scorso inverno in programma una decina di eventi di Coppa del Mondo; le atlete e gli atleti hanno ottenuto una...

Asiva in festa a Gressan, 150 premiati. Mosso: «Contenti della stagione, i nostri progetti funzionano»

Sono stati 150 i premiati all'annuale festa dell'Asiva, disputata sabato all'area verde di Gressan, una manciata di chilometri più in là di Aosta. Un pomeriggio di premiazioni, utile anche a tracciare il bilancio della stagione, definita positiva dal presidente...

Ultimi due giorni per sciare sul versante italiano di Breuil-Cervinia. Da lunedì prosegue lo sci estivo in terra elvetica

Apertura da ottobre a inizio giugno. Breuil-Cervinia domani, domenica 9 giugno, chiuderà le piste sul versante italiano, ma non gli impianti di risalita che continueranno a funzionare per il proseguimento della stagione estiva. La pista “6”, servita dalla seggiovia Bontadini,...