E’ Kilde l’uccello predatore: battuto ancora Odermatt. Marsaglia 16°

Birds of Prey, nome della pista di Coppa del Mondo di Beaver Creek, significa uccelli da preda. Ed è il norvegese Aleksander Aamodt Kilde l’uccello predatore sulle nevi del Colorado., che porta a quindici i successi nella massima serie e otto in libera. Il campione scandinavo brucia per l’inezia di 6 centesimi lo svizzero Marco Odermatt e lo supera ancora in discesa dopo Lake Louise..

Kilde esulta ©Agence Zoom

Sono loro in più in condizione del momento, sono loro i più pericolosi e fanno il vuoto sul pendio statunitense. Infatti i distacchi aumentano. A 79 centesimi da Kilde il canadese James Craword, che comunque conquista un podio di valore dietro a quei due mostri. Perde il podio per un centesimo l’austriaco Matthias Mayer. Quinto a 94 centesimi ancora un austriaco, Vincent Kriechmayer. Sesta piazza invece per il tedesco Romed Baumann a 99.

Odermatt in volo ©AgenceZoom

GUARDA LA CLASSIFICA DELLA DISCESA DI BEAVER CREEK

E l’Italia? Non sono davanti gli azzurri. Il primo è Matteo Marsaglia, che su questa pista si era imposto dieci anni fa in superG. Il ‘romano di San Sicario’ termina 16° ma peccato perchè per 25 centesimi era in top ten. Gara insomma più che discreta per Matte, che è apparso in condizione e quindi durante la stagione sarà capace di graffiare. E’ uno dei senatori azzurri della velocità e quando non ha problemi fisici può togliersi ancora delle soddisfazioni. Il nostro fuoriclasse assoluto, Dominik Paris, che quest’anno si allena con un rapporto stettissimo con Alberto Ghidoni è 20 a 1.73. Sembra in salita la strada per vincere la Coppa del Mondo di discesa? Ora si, ma mai dire mai, il gigante della Val d’Ultimo ci ha abituato nel bene a davvero tutto. Mattia Casse in evidenza in prova, stacca il 22° tempo finale prendendo dal vincitore 1.84. Bene Nicolò Molteni che cresce gara dopo gara: 25° a 2.01 il comasco di Cambiate. E si infila nei trenta anche un buon Florian Schieder: con il 53 il giovanotto dell’Alpe di Siusi è a 2.24 in 28a piazza. Guglielmo Bosca 30°, dopo l’11° tempo di Lake Louise in superG. E per 5 centesimi perde la 30a posizione Giovanni Franzoni che era al via con il 59: bravo ed in crescita il 2001 azzurro. Non va a punti Christof Innerhofer attardato oltre i due secondi e mezzo. Fuori dai trenta anche Pietro Zazzi. Domani superG. Poi tutti in Europa destinazione Val Gardena.

Paris

 

 

Altre news

Se ne è andata Elena Fanchini

È morta Elena Fanchini, ex sciatrice che lottava contro un tumore, 37 anni. Era malata da tempo e Sofia Goggia le aveva dedicato la vittoria della discesa di Cortina d'Ampezzo. A gennaio del 2018 aveva annunciato che avrebbe lasciato lo...

Marta superGigante: «Una vittoria di peso, ho studiato la discesa di Vonn alle Finali 2015»

Isolde Kostner oro a Sestriere nel 1997, Marta Bassino oro a Méribel nel 2023. Ventisei anni dopo l’Italia torna sul gradino più alto del podio nel superG, una disciplina che la cuneese ha sempre fatto, ma che ultimamente le...

Kilde precede Innerhofer nella prima prova della discesa di Courchevel

Aleksander Aamodt Kilde ha realizzato il miglior tempo nella prima prova cronometrata della discesa maschile di Courchevel. Il norvegese ha impiegato 1’48”81 per affrontare l’Eclypse, affrontando a gran velocità i lunghi curvoni del “Mur du Son”. Christof Innerhofer è stato...

Il capolavoro di Marta – fotogallery

    Che spettacolo, che sciata, che capolavoro! Marta Bassino si prende uno strepitoso oro nel superG dei Campionati Mondiali di Courchevel-Méribel. Una sciata splendida, una prestazione che tiene a 11/100 una certa Mikaela Shiffrin.