Dall’Hockey allo sci, “Jack” Crawford e la sua vita da sportivo: «Sognavo questo oro»

James Crawford è per tutti Jack, canadese di 25 anni. Giocava a Hockey, tra le fila dello York Mills Hockey Club, la società di Toronto, dov’è nato e cresciuto in un famiglia di sportivi. Fino all’età di 15 anni era facile trovarlo in un palazzetto con i pattini ai piedi, poi ha dovuto fare una scelta quando due stagioni più tardi, all’ingresso della categoria Aspiranti, è stato inserito nelle squadre nazionali. Ha iniziato a sciare con i genitori, la sorella e i cugini: a 36 mesi si divertiva sulle piste dell’Ontario. Non poteva iniziare la sua attività sportiva se non sulla neve, visto che la zia Judy Crawford Rawley, ex atleta della squadra nazionale dl 1967 al 1974. Jack ha frequentato la scuola primaria e parte della scuola superiore a Toronto, prima di terminare la scuola secondaria a Whistler, nella Columbia Britannica, in Canada. 

James Crawford ©Agence Zoom

Ieri l’oro nel superG iridato, un centesimo davanti a un certo Kilde, che si pregustava già il titolo. E invece il sogno è diventato realtà per questo canadese di 25 anni che mai aveva vinto in Coppa del Mondo, ma che comunque non poteva essere definito outsider, visto i podi e la medaglia di bronzo nella combinata di Pechino. «Ho realizzato il mio sogno, è un’esperienza incredibile che ricorderò per tutta la vita – racconta -. Sono stato bravo ad avere costanza lungo tutto il percorso, sono uscito dal cancelletto di partenza con un’idea chiara di dove volevo arrivare e di come sciare. Ho avuto grande fiducia già dalla ricognizione». Sapeva che Odermatt, Kilde e tanti altri sarebbe stato in grado di fare la differenza, ma lui è partito senza fare calcoli. Ed eccolo il luccicante oro. Nel tempo libero Jack ama fare surf, sci nautico e giocare a golf, ma si concede anche uscite in bicicletta, non importa se su strada o i sentieri del Canada. Ma come dice lui: «Purtroppo di tempo libero non ne ha molto». Lo investe nello sci, che ieri gli ha sorriso. 

spot_img

Altre news

Zenhaeusern vince lo slalom finale, Braathen è il primo 2000 a sollevare una coppa. Vinatzer quinto e in gran rimonta

Emozione del giovane Lucas Braathen, una manche tirata fino alla fine senza mai avere timore. Il pettorale rosso addosso e il rischio di perderlo in un attimo. E invece no, finisce davanti a Henrik Kristoffersen e si aggiudica la...

Gran finale al Criterium Cuccioli: vince l’Alto Adige

Seconda e ultima giornata di gare alle finali nazionali del Criterium Cuccioli. Una domenica impegnativa per gli organizzatori viste le temperature, ma con un lavoro di salatura tutto è filato al meglio, anche con oltre cinquecento giovanissimi al cancelletto...

La Coppa femminile si chiude nel segno di Shiffrin. Bassino sesta, sale sul podio finale del gigante

La Coppa del Mondo femminile si chiude nel segno di Mikaela Shiffrin, la donna dei record, che anche oggi si è presa la vittoria del gigante, ma per soli 6 centesimi. Quanto bastano per accendere luce verde nell'atto conclusivo...

Roulin-Boisset: vittoria per due nel superG di Narvik. “Posto fisso” per Schieder, è 3° di specialità dietro agli elvetici

Cala il sipario sul circuito di Coppa Europa. Questa mattina a Narvik si è disputato il superG maschile, ultima gara del programma. Festa per due in Norvegia, per due svizzeri addirittura, con Gilles Roulin e Arnaud Boisset che terminano...