Dainese è sicurezza: la linea caschi dell’azienda italiana

Parola d’ordine: protezione. Un’associazione naturale, l’abitudine di ammirare le gesta di Valentino Rossi in MotoGP e dei campioni della Coppa del Mondo, liberi e protetti da Dainese, nelle condizioni più estreme. Una sicurezza superiore, a disposizione di tutti. Super-protetti anche sulla neve, si deve aggiungere, da quando in Coppa del Mondo è arrivato il D-air, l’air-bag dei discesisti. Ma il mondo Dainese è anche protezione della testa, il casco dunque. O meglio i caschi, visto che la linea dell’azienda vicentina copre davvero tutte le esigenze, dalla Coppa del Mondo sino alla classica discesa in pista. Situazioni diverse, ma una sola prerogativa, quella di essere sicuri al cento per cento. 

Il modello R001 Carbon è il top di gamma, rigorosamente tutto made in Italy: la calotta è interamente in fibra di carbonio, un materiale che a fronte di un peso molto contenuto offre una resistenza agli impatti e una protezione insuperabili. Forma studiata per alte performance aerodinamiche con uno spesso guscio interno in EPS che ha superato i più stringenti standard di omologazione CE, ASTM e FIS. Gli interni sono costruiti con sistema Rabbit e tessuto Shalimar, anti-batterico e anti-odore, altamente traspirante ed avvolgente. Le orecchiette, con dettagli in lega metallica di magnesio, rame e alluminio, sono progettate per eliminare ogni fruscio e suono secondario, per dare all’atleta la possibilità di massima concentrazione in ogni fase della discesa. La chiusura micrometrica garantisce precisione e una sicurezza sempre al massimo livello possibile. Sugli identici standard il casco R001 Fiber: stesse omologazioni, ma costruzione in fibra di vetro, leggera e resistente. 

Oltre alla gamma made to race, quella R001 appunto, quella della Coppa del Mondo, utilizzata da Sofia Goggia, Matthias Mayer o Vincent Kriechmayr, Dainese propone un’ampia gamma per tutti gli sciatori. I caschi Nucleo, in quattro versioni, con la tecnologia ReverseSafe, combinano la leggerezza della calotta superiore a una protezione multi-impatto garantita dall’anello in Abs Armoring che avvolge la testa e ripara le zone più delicate e statisticamente più soggette a impatti in caso di caduta. Comfort e vestibilità sono assicurati dal sistema di chiusura BOA che permette di regolare con altissima precisione il fit del casco, e dalle prese d’aria che canalizzano i flussi tra la calotta e gli interni, trasportando all’esterno, attraverso lo spoiler integrato, il calore e l’umidità in eccesso, per una perfetta combinazione tra ventilazione e performance aerodinamica. ReverseSafe, Armoring, Airintakes sono tecnologie Dainese: la prima permette di disegnare il casco secondo le reali esigenze dello sciatore, senza compromessi costruttivi, la seconda un anello in ABS multi-impatto garantisce l’assorbimento degli urti nelle zone più sensibili e soggette a impatto in caso di caduta, è realizzato in un materiale dalle proprietà elastiche che dissipa l’energia del colpo su tutta l’area e torna sempre alla sua forma originale, la terza permette una ventilazione canalizzata in ogni condizione meteo, grazie alle prese d’aria frontali, poste nel punto di maggior pressione del flusso durante la sciata, in modo che l’aria venga convogliata e canalizzata all’interno del casco attraverso condotti che permettono di trasportare all’esterno l’umidità e il calore in eccesso, evitando che neve e acqua vengano a contatto con la testa dello sciatore, anche nelle peggiori condizioni atmosferiche. 

Caschi che adottano poi il sistema MIPS. Già ma cos’è? Il Multi-Directional Impact Protection System è il frutto di anni e anni di studi del Karolinska Hospital e del Royal Institute of Technology di Stoccolma; è un sistema a basso attrito che consente al casco di scivolare rispetto alla testa, con conseguente riduzione del movimento rotatorio che potrebbe altrimenti essere trasmesso al cervello. Il sistema MIPS è presente anche nel casco Elemento, un po’ il riferimento per leggerezza e protezione. La sua calotta in policarbonato e il guscio interno in EPS sono in grado di assorbire gli urti più violenti e hanno superato i più stringenti standard certificativi europei e nord-americani. L’interno del casco è in caldo e traspirante lining termoformato che lo rende molto confortevole, permettendo il rapido assorbimento di sudore e umidità. La geometria delle orecchie prende ispirazione dalle forme auxetiche presenti in natura, materiali che a seguito di un impatto o una sollecitazione si espandono in ogni direzione. Sono morbide e traspiranti, consentendo un avvolgimento comodo e allo stesso tempo di percepire liberamente i suoni provenienti dall’esterno. La chiusura è a buckle, resistente e semplice da azionare anche indossando i guanti; il ferma-maschera posteriore è in silicone, con pratico bottone metallico. 

Altre news

Settembre, mese di elezioni nei Comitati regionali. Nuova assemblea in FVG?

Un mese intenso per le elezioni del rinnovo dei consigli regionali della Fisi. Il 3 settembre si apre a Milano (all’Auditorium Testori del Palazzo Regione Lombardia) e a Roma (nel Palazzo delle Federazioni Sportive) con le assemblee elettive di...

Uk Sport taglia i fondi, gli inglesi della neve tremano e Ryding lancia un crowdfunding

Quale futuro per gli sport invernali britannici? Non roseo, come ha comunicato la stessa GB Snowboard (Federazione) ai suoi atleti. Sci alpino, fondo e nordico paralimpico non sarebbero più ritenuti idonei, dalla UK Sport, per ricevere i finanziamenti del...

Nello skiroom azzurro di Landgraaf

Ore e ore dietro agli sci. Lo fanno sempre, a maggior ragione quando sono in raduno negli skidome, dove il filo si mangia in fretta. Lavoro frenetico per gli skiman, che a volte non hanno avuto neppure il tempo...

Il ritorno di Peterlini: «Tanto, ma tanto lavoro dopo due operazioni»

«Sono tornata». Martina Peterlini ha rimesso gli sci ai piedi nei giorni scorsi. Lo ha fatto dopo un lungo stop, durato quasi otto mesi da quel 16 dicembre dello scorso anno, quando nello slalom di Coppa Europa di Valle...