Cresce l’attesa per il Memorial Fosson

Cresce l’attesa per il Memorial Fosson, giunto alla tredicesima edizione e che, per il secondo anno consecutivo, assegnerà il titolo italiano a squadre Children. Appuntamento dal 6 all’8 aprile, quando i Ragazzi e gli Allievi di oltre 60 sci club italiani si ritroveranno sui pendii della conca di Pila per l’ultima sfida della stagione.

La presentazione oggi ad Aosta. «Il Memorial Fosson, intitolato alla memoria di Pietro, – le parole di Giulio Grosjacques, Assessore regionale al turismo, sport e commercio della Regione Autonoma della Valle d’Aosta – è diventato l’evento agonistico di riferimento in Italia per tutte quelle competizioni di sci alpino che premiano la squadra e non il singolo atleta. È pertanto motivo di orgoglio, per me, poter presentare l’evento che assegnerà il titolo italiano Children a squadre. Quest’anno, in particolare, le gare del Memorial Fosson assumono una valenza particolare perché si inseriscono nel quadro di un riconoscimento importante per la nostra regione. Alla Valle d’Aosta, com’è noto, è stato assegnato il titolo di Regione Europea dello Sport 2023 per il valore del nostro territorio quale esempio di sport per tutti dove le attività vengono incentivate, supportate e promosse nelle varie discipline e per tutte le fasce di età. I giovani atleti diventano quindi i migliori ambasciatori di questo messaggio indirizzato ai loro coetanei quale stimolo a praticare l’attività sportiva nello sci o in altri sport: l’obiettivo del progetto Regione Europea dello Sport è infatti quello di incrementare la percentuale di cittadini attivi negli sport. Ed è proprio a loro, alle ragazze ed ai ragazzi che gareggeranno, che va il mio augurio più sincero di divertirsi, di competere con sano spirito agonistico e di godere di queste giornate sulla neve».

Alta come non mai la richiesta di partecipazione: 900 il totale dei pre-iscritti, che potranno gareggiare solo se inseriti in una squadra obbligata a rispettare alcuni requisiti previsti dal regolamento. Con la naturale scrematura, si arriverà quindi ad avere circa 600 atleti al cancelletto di partenza, pronti per tre giorni di gigante e slalom, su quattro differenti piste in contemporanea. «Il Memorial Fosson è ormai a pieno titolo una gara del circuito nazionale – conferma Marco Mosso, presidente Asiva – Lo sci è uno sport individuale, ma attraverso questo evento si cerca di far emergere l’importanza del club e della squadra, che ha il compito di coltivare i ragazzi in tenera età e farli crescere il più possibile».

Uno sforzo enorme per lo sci club Aosta, organizzatore dell’evento, e per la Pila Spa, che ancora una volta ha mostrato grande disponibilità nel garantire le adeguate piste e le aperture anticipate degli impianti di risalita, telecabina Aosta-Pila inclusa. Con circa 1.000 persone (atleti, tecnici, accompagnatori e addetti ai lavori) da gestire a ridosso delle festività, organizzare la permanenza nelle strutture alberghiere è stata una impresa. Tutto esaurito a Pila, così come sono stati coinvolti anche diversi operatori turistici nei dintorni di Aosta. «Nella nostra logica – spiega Massimo Raffaelli, presidente sci club Aosta – è fondamentale destagionalizzare, le richieste sono ancora una volta impressionanti e dovremo trovare i giusti incastri per ospitare le principali società italiane che da tempo partecipano al Fosson. Sono felice che l’evento assegni ancora una volta le medaglia a squadre».

Le condizioni saranno ancora una volta perfette a Pila: le precipitazioni nevose e il freddo di questi ultimi giorni hanno sistemato le piste; Renato Rosa, Nouva, Châtelaine e Bellevue sono tirate a lucido e pronte per la grande passerella di fine stagione, ultima occasione per un confronto agonistico, ma anche per concedersi un po’ di svago e divertimento, fondamentali a questa età- «Questo evento, a squadre, – ribadisce Davide Vuillermoz, presidente di Pila Spa – trasmette un piacevole messaggio al mondo dello sci, fatto sempre di individualità. Per fare le cose sempre più spesso è necessario fare sinergia. L’organizzazione è rodata, collocarlo a fine stagione penso sia la cosa giusta».

Si partirà giovedì 6 aprile con il gigante Allievi (seconda manche per i migliori 30) e lo slalom Ragazzi (due gare separate); venerdì 7 programmi invertiti, mentre l’8 di nuovo gigante Ragazzi e slalom Allievi (gara tradizionale). I giganti di lunedì e martedì saranno validi anche per il Race Future Club by Fisi, il circuito di gare ideato da Race ski magazine in collaborazione con la Federazione Italiana Sport Invernali, che premia gli atleti più costanti dell’intera stagione. Tutto invariato il regolamento: saranno presi in considerazione i migliori due risultati su tre di ogni singola gara. Nessuna penalità prevista per cadute o squalifiche e ogni atleta concorrerà solo per la propria formazione. Nel pomeriggio di sabato 8 aprile le ricchissime premiazioni finali, grazie ai partner Salomon, Spm, PDH by Podhio e Level, il giorno precedente invece premiazione della seconda edizione di Race Future Club by Fisi.

Altre news

Borse di studio Rossignol: ultime settimane per presentare domanda di partecipazione

In occasione della realizzazione del murale dedicato a Federica Brignone al quartiere Corba 5 Cerchi di Milano, lo scorso 19 maggio, la filiale italiana del Gruppo Rossignol ha annunciato l’avvio di un’iniziativa di borse di studio per sostenere i...

Livio Magoni nuovo coach di Martina Dubovska

Chiusa l’esperienza con l’Austria, Livio Magoni riparte da Martina Dubovska: è la stessa atleta della Repubblica Ceca (settima nello slalom delle finali di Soldeu come miglior piazzamento nell'ultima stagione di Coppa del Mondo; diciannovesima nella prossima start list) ad...

Ecco le nominations di Alpine Canada

Alpine Canada ha annunciato le nominations per la squadre di sci per la prossima stagione. Dove non ci saranno più Marie-Michèle Gagnon e Trevor Philp che hanno lasciato lo sci agonistico. Nel team femminile presenti Ali Nullmeyer, Amelia Smart, Britt...

Meta Hrovat rientra nel mondo delle gare

Un po’ il ginocchio che faceva le bizze, un po’ la mancanza di motivazioni: così Meta Hrovat aveva scelto di fermarsi all'inizio della scorsa stagione, una decisione che, come lei stessa l'aveva definita, è stata la più difficile della...