Con Skidentity il brand siete voi!

Se provate a googlare Skidentity logo, lo troverete, ma farete fatica a riconoscerlo perché sulle divise degli sci club non l’avete mai visto. Un logo che c’è, ma non c’è, quello dell’azienda piemontese, con sede a Torino, cuore operativo a Mondovì e siti produttivi a Brescia e Mondovì (dove producono anche per altri brand dello sport e della moda). «La nostra filosofia – spiega Roberto Raiteri – è stata proprio quella di valorizzare il marchio dello sci club e della scuola sci e non il nostro. Il brand sono loro e sulle divise apparirà solo il loro logo e non quello di Skidentity. Credo che sia un grande valore aggiunto, perché avranno a disposizione materiale completamente personalizzato, oltre alla possibilità di dare risalto agli sponsor». 

Skidentity, in pratica presenta una serie di modelli, dall’altra parte lo sci club o la scuola sci decidono quello più adatto per i suoi allenatori e i suoi atleti e poi ci aggiunge colori, grafica, loghi… persino i colori delle cerniere. Di fatto è come una tela bianca dove ci si può sbizzarrire. «Sì, direi che è così. Possono davvero disegnare come vogliono la loro divisa, noi ovviamente li possiamo aiutare e assistere con il nostro ufficio design, ma se arrivano con un progetto tutto loro, noi siamo pronti a realizzarlo. Ci piace sempre sottolineare che li coinvolgiamo fin dall’ideazione dei concept: è la loro divisa e li deve rappresentare al 100%». 

Il Falconeri Ski Team, lo Ski Team Sauze o l’Enjoy ski team o l’AMSI Lombardia, solo per citarne alcuni, hanno fatto così. «E credimi, sono professionisti esigenti e tutti ci hanno fatto i complimenti per la qualità dei materiali e anche per come abbiamo cercato di assecondare le loro esigenze sia tecniche che estetiche. Abbiamo anche previsto modelli diversi per gli allenatori che avevano bisogno di più tasche per radio e telefoni». Su un punto Roberto insiste. «La differenza la fanno qualità e made in Italy. Abbiamo a disposizione i materiali migliori (per lo più di aziende italiane) e tutta la lavorazione, dal taglio alla realizzazione, viene fatta nel sito produttivo in provincia di Brescia (che opera nel settore sci dal 1966) mentre la stampa sublimatica nel laboratorio di Mondovì. Capisci anche perché possiamo avere il materiale pronto in poche settimane». Anche per il riassortimento. «Noi cerchiamo di chiudere gli ordini in estate, tra luglio e agosto, per consegnare entro l’inizio della stagione, ma ultimamente abbiamo avviato un secondo step di produzione per gli ordini che arrivano entro fine dicembre con consegna all’inizio dell’anno successivo. Per esempio nelle vacanze di Natale, dove spesso arriva qualche tesseramento in più, uniamo le richieste di team diversi per arrivare ad almeno una ventina di divise, in modo da poter soddisfare i club in pochissimo tempo. Queste tute sono pronte per essere consegnate, siamo a fine gennaio e ce le hanno ordinate a metà dicembre. Il valore aggiunto di lavorare in Italia ci permette di avere questo vantaggio». 

Ma c’è anche un altro dettaglio non di poco conto. «Da sempre siamo in grado di fornire materiale, ovviamente personalizzato, non solamente giacche e pantaloni ma offriamo allo sci club o alla scuola sci tutto l’abbigliamento accessorio come per esempio il tutino, il race jacket, la felpa tecnica, il pantaloncino allenamento, ma anche l’abbigliamento per il dopo gara (tute, t-shirt, felpe, cappellini…). Anche tutti questi articoli ovviamente personalizzati. La nostra offerta è davvero a 360 gradi: qualsiasi esigenza che ci viene proposta siamo pronti ad accontentarla. Sempre e soltanto nel modo migliore». Prova ne è che anche uno dei grandi dello sci ha scelto 

Skidentity. «Sì, con grande orgoglio anche Giorgio Rocca che con il suo ski team lavora in località prestigiose come St. Moritz, Andermatt, Crans Montana o Livigno, ci ha chiesto una serie di felpe tecniche e di tutine da gara. Naturalmente c’è tutto il suo stile, noi abbiamo solo assecondato le sue richieste: siamo felici che sia rimasto soddisfatto del nostro lavoro. Ma noi eravamo e siamo convinti della qualità dei nostri prodotti». Un cambio di prospettiva, in un certo senso anche innovativo. «Bè, non è stato immediato far passare l’idea che fossimo presenti senza apparire, ma in questi anni c’è stata una crescita importante nelle richieste. Quando i club si rendono conto che possono davvero avere materiale che usano tutti i giorni che garantisce sicurezza, prestazione, qualità, unico e bello, fatto solo ed esclusivamente per loro, diventano anche i nostri migliori testimonial. Siamo un unicum nel mondo dello sci e siamo fortemente convinti del progetto. Quando puoi contare su materiali performanti e di alta qualità, su un servizio e una produzione made in Italy che ti permette 

di avere sotto controllo tutta la filiera produttiva, e soprattutto su un prodotto che esalta il tuo brand, capisci che può diventare davvero un valore aggiunto per lo sci club. Il nostro motto è indossa te stesso!». Roberto parla con orgoglio del suo progetto di branding, arriva una telefonata, c’è un altro team che si informa per creare la sua linea personalizzata per la prossima stagione. 

Altre news

Goggia senza limiti: «Volevo la doppietta, ci sono riuscita»

Non bastava vincere. Sofia Goggia vuole la perfezione. Lo aveva promesso ed eccola oggi ancora in trionfo sulla Men's Olymouc - East Summit di Lake Louise. «Si può fare meglio», diceva ieri. Eccola, aveva ragione. Domina ancora in Canada...

Missile Goggia colpisce sempre: doppio trionfo a Lake Louise

Che andare. Diciannove vittorie in Coppa del Mondo (14 in discesa) e oggi doppietta stagionale sulla Men's Olympic /East Summit di Lake Louise (5 vittorie sul pendio canadese). Sofia Goggia fa paura. Non viene fermata dal vento che soffia...

E’ Kilde l’uccello predatore: battuto ancora Odermatt. Marsaglia 16°

Birds of Prey, nome della pista di Coppa del Mondo di Beaver Creek, significa uccelli da preda. Ed è il norvegese Aleksander Aamodt Kilde l'uccello predatore sulle nevi del Colorado., che porta a quindici i successi nella massima serie...

Gardena, semaforo verde per la 55a Coppa del Mondo

La Coppa del mondo di sci sulla Saslong si aprirà, come da tradizione, venerdì 16 dicembre con il superG. Sabato 17 dicembre, invece, si svolgerà la classica discesa, che sarà la 100a gara di Coppa del mondo in Val...