Zenhausern le suona a tutti nello slalom del Kandahar. Vinatzer 8°, Sala 11°

CHAMONIX LES HOUCHES LIVE – Sulla Verte i ragazzi dello slalom lottano ognuno con i propri obiettivi: i pezzi da novanta si danno battaglia per vincere, per il podio, le seconde linee invece che giocano le ultime chance per qualificarsi alla rassegna iridata di Courchevel. E sulla lingua di ghiaccio di Les Houches per il tradizionale appuntamento del Kandahar, ecco trionfare il lunganone svizzero Ramon Zenhaeusern. Secondo dopo la prima frazione, recupera fino al trionfo. Deraglia il capofila della prima manche, il francese Clement Noel e così, il giovanotto allenato dal nostro Matteo Joris completa un successo straordinario. E’ risorto Ramon, dopo la scorsa annata difficile per problemi significativi alla schiena. E che distacchi. Intanto secondo a sorpresa, lo statunitense che corre per la Grecia AJ Ginnis.  Era al via con il 45 e fa un recupero sensazionale nella seconda sessione terminando a 1.02.

Il podio ©Agence Zoom

Quattro centesimi più attardato c’è un altro svizzero: ecco Daniel Yule, a compietare il successo dello squadrone rossocrociato. Quarto e quinto posto per la Norvegia con Atle Mcgrath e Sebastian Foss-Solevaag. Svizzera e Norvegia sempre davanti, questa volta ha la meglio la banda di Joris.

GUARDA LA CLASSIFICA DELLO SLALOM DI CHAMONIX

Yule ©Agence Zoom

Alex Vinatzer recupera dalla diciannovesima all’ottava posizione. Nel finale che paura: cade, ma succede proprio sul traguardo e quindi lo attraversa regolarmente ed indenne. Gara buona, anche se il podio non sembra ancora così vicino. Ora ci sono i Mondiali, un altro passo avanti e possiamo arrivarci? Speriamo, siamo ancora a zero podi per i team di slalom (e di gigante).

Vinatzer ©Agence Zoom

Anche Tommaso Sala recupera. E se non avesse fatto un erroraccio nel finale dove si è piantato poteva guadagnare ancora: alla fine chiude 11°. Simon Maurberger è 19°. Buona seconda manche dei nostri ma serve regolarità, più continuità.

Sala ©Agence Zoom

Nella prima frazione non si erano qualificati Stefano Gross e Tobias Kastlunger. Sabo per 9 centesimi, Tobi per 11. Peccato davvero. Erano tutti appiccicati: praticamente con mezzo secondo in meno oggi si era subito a ridosso dei primi quindici. Ma con i se e con i ma non si fa nulla. Adesso aspettiamo le convocazioni per i Mondiali: Gross, forte del quinto posto di Garmisch, è sicuro insieme a Sala e Vinatzer. Il quarto sarà Tobi decimo in Val d’Isere? Oppure Maubi che fino ad oggi è stato più regolare in entrambi le discipline  tecniche? O tutti e due? In pista oggi c’era anche il 2001 di belle speranze Tommaso Saccardi che tuttavia è deragliato nella prima sessione.

 

Altre news

Il Cortina piazza De Zanna in azzurro. Gillarduzzi. «Forte tecnicamente ma anche di testa»

In tre anni due ingressi in squadra azzurra: bilancio sicuramente positivo per lo sci club Cortona che dopo Ambra Pomarè vede l'innesto in nazionale anche di Marco De Zanna. La parola al responsabile della categoria Giovani Roberto Gillarduzzi che...

Tanto azzurro nell’ascesa di Dzenifera Germane

«Tutti dicono che ha sempre sciato in Austria, ma lei ha davvero iniziato in Lettonia». Così precisa subito Simone Calissano, parlando di Dzenifera Germane, visto che il tecnico piemontese dall’ultima stagione segue la ventunenne lettone con l’Apex2100 International Ski...

Linea di continuità nelle squadre femminili azzurre

Pronte le squadre azzurre femminili. Tutto confermato per quanto riguarda il gruppo élite con quattro atlete, Marta Bassino, Federica Brignone, Elena Curtoni e Sofia Goggia, quattro tecnici di riferimento, Daniele Simoncelli, Davide Brignone, Paolo Stefanini e Luca Agazzi, sotto...

Ecco le squadre maschili. Rimane Innerhofer ma Gross da ottobre. Sale Talacci, scende Barbera

Ecco le squadre maschili di sci alpino per la stagione 2024-2025 agli ordini del direttore tecnico Max Carca. Christof Innerhofer doveva essere escluso considerate le prime riunioni, poi alla fine è stato inserito ancora nel gruppo Coppa del Mondo....