Atomic: la famiglia Redster si amplia con la serie Q

Per la stagione 2022-2023, Atomic amplia la sua fortunata famiglia Redster con nuovi sci più larghi per ambizioni più ampie: Redster Q. Realizzata per sciare tutto il giorno in condizioni di neve mutevoli, la serie Q è pronta a gestire qualsiasi situazione, dal “velluto” duro di prima mattina alla neve fresca in pista, dalle cunette, al ghiaccio e al manto “molle” pomeridiano. Il concetto può essere paragonato all’idea di una gravel bike: una struttura ad alte prestazioni per i sentieri battuti con una maggiore versatilità per le superfici mutevoli.

«La serie è dotata della tecnologia Revoshock, collaudata in Coppa del Mondo, che garantisce una sciata più fluida, precisa e potente, indipendentemente dalla superficie. Q è disponibile anche all’interno della linea Cloud, specifica per le donne, è una soluzione unica per tutte le condizioni di pista» dice Damiano Basso, Marketing Manager Atomic Italy.

Lo sci in realtà è molto di più che uno sci per piste perfettamente curate. Infatti, il “velluto” fresco e compatto dura naturalmente solo un paio di discese al mattino presto prima che le condizioni inizino a cambiare. E continuano a trasformarsi nel corso della giornata, creando dossi, buche e talvolta anche uno strato di neve fresca sulla pista – a seconda del numero di sciatori presenti, della temperatura, del meteo ecc. Rispondere e adattarsi alle condizioni mutevoli può essere una bella sfida. Per far fronte a questo problema, Atomic ha sviluppato Redster Q, una nuova linea della famiglia di sci Redster caratterizzata da una costruzione wide-body, da una versatile sciancratura Multi Radius e da una collaudata tecnologia derivata dalle gare. Disponibile in vari modelli e larghezze da 75 a 85 mm, Redster Q è pronto ad affrontare le diverse condizioni di una giornata di sci in pista di qualsiasi livello, dai principianti agli esperti.

Redster Q si rifà direttamente alla gamma Redster di Atomic, vincitrice della Coppa del Mondo. Tuttavia, è costruito per gli sciatori su pista dalla mentalità avventurosa che vogliono esplorare più a fondo e che cercano qualcosa di più della velocità in gara e tra le porte. Rispetto ai fratelli Redster G, Redster S e Redster X, la nuova linea Redster Q presenta una larghezza notevolmente maggiore: fino a 15 millimetri in più sotto i piedi forniscono un appoggio più stabile, aumentando la presa di spigolo e prevenendo il distacco della coda, soprattutto in condizioni di ghiaccio o il “molle” primaverile. Questo e la sciancratura Multi Radius, corta e scattante, per raggi di curvatura variabili, costituiscono l’inconfondibile All-Condition Piste Shape del Redster Q.

Altre news

Lake Louise, Curtoni 9a in prova. Goggia: «Finalmente al cancelletto». Davanti Ortlieb

Prima prova cronometrata in Canada a Lake Louise in vista delle gare di velocità di Coppa del Mondo donne in programma da venerdì a domenica. Miglior tempo nettamente per l'austriaca Nina Ortileb che ha distanziato la slovena Ilka Stuhec e...

Presentato il 29° Memorial Walter Fontana in collaborazione con Alpi Centrali

Presentato presso palazzo Lombardia il 29° Memorial Walter Fontana che per il secondo anno, in collaborazione con il Comitato Fisi Alpi Centrali, contribuisce ad organizzare con le realtà sportive del territorio ben 276 gare di sci (alpino e fondo)...

Cason vince per un centesimo la discesa della Val Gardena

La Val Gardena, in attesa della Coppa del Mondo, apre come al solito la stagione della velocità con le gare Fis. Oggi in gara gli uomini, con Mattia Cason ad aggiudicarsi la discesa libera per un solo centesimo sul...

Giorgia Vittoria e Pietro Orsenigo vincono il primo slalom FIS NJR di Livigno

Orsenigo-Orsenigo a Livigno, ma Giorgia Vittoria corre per il Santa Caterina e Pietro per il Gressoney. È loro il primo slalom FIS NJR che si è corso a Livigno oggi, sulla pista Li Zeta che in questi giorni ha...