Aosta: una nuova linea che dà i suoi frutti

Essere il direttore tecnico di uno sci club e allenare la categoria Giovani, non sempre è semplice e conciliabile. Specie se spesso sei in trasferta e lontano dal quartier generale. Così, a inizio della scorsa stagione, lo sci club Aosta ha cambiato rotta: Umberto Fosson, responsabile degli allenatori, ha lasciato i più grandi per tornare nei Children, un mondo che conosce bene e che già in passato aveva seguito. «Una scelta fatta per avere più controllo anche sulle altre categorie – spiega – Quando sei là in alto hai poco tempo da dedicare al resto, invece questo inverno ho avuto modo di seguire spesso i Baby e stare con loro a bordo pista». 

La nuova impostazione ha funzionato, i risultati sono arrivati a tutti i livelli, specie nei più piccoli in cui lo sci club Aosta è stato protagonista di una bella stagione con il dominio di Alexandra Alexandro Kamenova e con belle gare di un altro Fosson, che di nome fa Nicolas ed è il nipote del direttore tecnico. Frutto anche delle diverse riunioni tra allenatori in cui si è parlato e discusso di programmi e metodi di lavoro. «Finalmente siamo riusciti a cambiare e anche in basso stiamo crescendo». Aumenta anche il bacino delle mascotte e dei più piccoli, grazie alle attività organizzate dal club. «A Pila, essendo tre sci club, non è possibile portare avanti un discorso con le scuole sci, quindi ci siamo organizzati per avere un ricambio in futuro». Lo sci club Aosta ora parla anche bulgaro: alcuni atleti hanno deciso di trasferirsi nel periodo invernale per sciare e gareggiare con la società del capoluogo valdostano. E vanno forte: Kamenova è in testa al circuito Baby 2, Ilia Kostadinov Kostov è secondo nei Ragazzi. E a proposito di Children, da segnalare anche l’ottima stagione di Emanuele Frau (vincitore del Pinocchio) e di Aline Gerard, nelle prime posizioni delle rispettive categorie. Bene Martine Brumin e Tommaso Canonico negli Allievi, con attenzione anche a Nadine Brunet, atleta del Comitato che è stata seguita da Comé. I Baby sono stati seguiti da Filippo Contino, Pietro Sommo e Riccardo Grecchi, i Cuccioli da Manuel Charbonnier e Solange Béthaz, i Ragazzi da Umberto Fosson e Mathieu Boldrini, gli Allievi da Giorgio Saudin e Martin Fornari, mentre i Giovani da Christian Comé e Roberto Boldrini che si sono rispettivamente divisi per curare agonisti e selezionandi. «Ci saranno delle novità la prossima stagione – prosegue Fosson – Qualche aggiustamento negli staff tecnici, anche perché qualcuno forse lascerà». 

E in vista della preparazione estiva, una linea generale è già stata tracciata. Basta continue uscite sui ghiacciai dal mese di giugno. Si cambierà e si andrà a sciare sempre più tardi, intorno ad agosto e solo con le categorie Ragazzi, Allievi e Giovani. Prima solo preparazione atletica, curata da un professionista e sotto la supervisione dei tecnici del club. I più piccoli? «Continueremo e integreremo quanto fatto lo scorso anno». Ovvero fine settimana in giro per i rifugi della Valle d’Aosta oppure al mare. Da una parte allenamento atletico, dall’altra un modo per unire il gruppo. La ricetta sembra funzionare, molto più che andare a 3.000 metri per sciare e magari tuffarsi già nei pali. La linea è chiara: cercare di eliminare lo sci estivo. Un messaggio che va in controtendenza con un mondo sempre più esasperato.

Altre news

Il progetto “Juniors to Champions” di Atomic è realtà anche in Italia

Il progetto Juniors to Champions di Atomic è realtà anche in Italia. Il più grande produttore di sci al mondo, che ha come obiettivo quello di accompagnare i giovani ed emergenti talenti che puntano ai grandi palcoscenici, vuole fornire...

Gruppo Rossignol ha radunato i suoi 45 istruttori nazionali

Il Gruppo Rossignol chiama a raccolta i “suoi” Istruttori nazionali per presentare il nuovo progetto di “brands promotions”. In occasione dell’aggiornamento ufficiale della Fisi a Cervia, Rossignol, lo scorso 24 maggio, ha anticipato il momento di formazione organizzando una...

Definite le squadre del Comitato Alto Adige

Linea di continuità, dopo i cambiamenti dello scorso anno nel Comitato Alto Adige. Christian Thoma continua a ricoprire il ruolo di responsabile della sezione sci alpino; in campo inoltre Christian Polig (VSS), Thomas Valentini (Grand Prix) e Thomas Rungg...

Gardena 2029, si decide il 4 giugno. Roda: «Grande lavoro condiviso da tutto il territorio»

Il 4 giugno in Islanda a Reykjavík alle ore 18 (20 italiane) la votazione al congresso FIS  per decidere l'assegnazione dei Mondiali di sci alpino del 2029. In prima linea la nostra Val Gardena che dovrà vedersela con la...