Amsi, Colnaz e Fisi uniti per ripartire: via alla campagna promozionale

Dopo l’importante firma apposta a fine settembre sul Protocollo da parte di FISI, Col.Naz., AMSI, ANEF e Federfuni Italia per la riapertura delle aree sciistiche e utilizzo degli impianti di risalita, da oggi e per tutta la stagione invernale 2021-2022 la Scuola Italiana Sci parlerà al pubblico della neve attraverso il claim “Con Noi è Facile!”. Si tratterà di una campagna promozionale multicanale, come mai prima d’ora i professionisti dell’insegnamento degli sport di montagna avevano messo in campo. Attraverso tutti i media: stampa, radio, tv e social network, la Scuola Italiana Sci intende contribuire a trasmettere al pubblico più vasto l’importanza di tornare in montagna e tornare a praticare gli sport di montagna, naturalmente nella massima sicurezza e nel pieno rispetto delle normative nazionali, ma con la consapevolezza che dopo una stagione di black-out, finalmente tutto è pronto per la riapertura. Che è essenziale, perché dall’attività sportiva deriva l’indotto che coinvolge: impiantisti, ristoratori, albergatori, e tutto il resto di un comparto economico che vale circa 12 miliardi di euro e garantisce lavoro a 120.000 persone.

E una volta di più, è indispensabile ribadire che il lavoro di base, effettuato dai maestri con i più piccoli, rappresenta il primo approccio allo sport di montagna, che spesso si trasforma in una passione, che cresce con il passare degli anni, fino a diventare un lavoro: sia per i maestri che operano nelle Scuole, come per i maestri allenatori di vario livello, fino ad arrivare agli atleti e ai campioni più blasonati. Tutti hanno mosso i primi passi grazie a un maestro di sci e a una scuola, perché possiamo dire che le Scuole di sci italiane sono la culla dei Nostri grandi campioni.

Flavio Roda, Presidente FISI – Federazione Italiana Sport Invernali: «Abbiamo realizzato un protocollo con Anef, Amsi, Col.Naz. e FederFuni in modo tale che fosse facile da interpretare, ma è servito a livello governativo per indicare la strada da seguire. Ringrazio il Ministro del Turismo Garavaglia per il contributo e l’intervento alla recente Fiera degli Sport Invernali di Modena, che ci ha dato indicazioni precise. Il DPCM che sarà attivo dal prossimo 6 dicembre prevede quanto ci aspettavamo, l’unica cosa che rimane da capire e’ come verrebbero interpretate le eventuali zone rosse, e quale sia la scelta più appropriata da prendere. La collaborazione fra tutte le nostre realtà contribuisce alla crescita e alla formazione di allenatori e istruttori, è un segnale di compattezza importante per il futuro da parte del nostro mondo». 

Altre news

Flavio Roda nominato vice presidente della Fis

Prima riunione a Zurigo del nuovo Consiglio della Fis. Il presidente della Fisi, Flavio Roda, rieletto in consiglio con il maggior numero di consensi (114), è stato nominato vice presidente, insieme al ceco Roman Kumpost, al giapponese Aki Murasato...

Trentino, nello staff arrivano Menegalli e Ferrari

l settore sci alpino del Comitato Trentino della Fisi ha un nuovo staff tecnico per la stagione sportiva 2022/2023. Il riconfermatissimo direttore tecnico Matteo Guadagnini, con una rilevante esperienza internazionale, ha creato un nuovo gruppo di lavoro con allenatori...

Innerhofer ad agosto sugli sci. Intanto bici e atletica

Fra i vari big degli sporti invernali al via della 35a edizione della Maratona Dles Dolomites c'era anche Christof Innerhofer. Classe ''84, altoatesino di Gais, si è cimentato nel percorso medio di 106 chilometri e 3000 metri di dislivello....

A luglio tempo di elezioni anche in AOC e FVG

Dopo Alto Adige, Trentino, Liguria e Asiva, altri due comitati hanno fissato le date delle assemblee elettive. Sarà proprio il Comitato Alpi Occidentali ad aprire la tornata elettiva, visto che l’appuntamento sarà il 22 luglio nella Sala Convegni Coni a...