Il team Children ACVR

Da due anni dominano come società in Trentino le categorie Ragazzi e Allievi: 28 gare vinte consecutivamente per l’Agonistica Campiglio Val Rendena, la società presieduta da Giulio Biasizzo. E le medaglie? A livello di Children agli ultimi Regionali 29 medaglie conquistate su 48 in palio. Numero da capogiro davvero. Confermatissimo alla guida tecnica il dt Rudj Redolfi, Istruttore Nazionale, che si dividerà fra Giovani e Children.

Il dt Rudj Redolfi

Da sei anni nella top sei della Energia Pura Children Series per club e nelle ultime due stagioni al quinto e il quarto posto al Memorial Fosson, il club trentino ha da questa stagione che è alle porte una nuova figura: stiamo parlando di Francesco Rolfi, che sarà il direttore sportivo e si occuperà di logistica, organizzazione, rapporti con il consiglio direttivo.

Francesco Rolfi e i suoi Pulcini
Enrico Bonapace

Con i Children un nuovo innesto: ecco Enrico Bonapace, ex poliziotto, che farà parte dello staff tecnico dove è già presente il fratello Timothy Bonapace e Nicolò Angriman. Il ds Francesco Rolfi è invece il riferimento dei Baby e Cuccioli. Nei Giovani c’è l’Istruttore Nazionale Fabio Paganini. Alla presentazione del club ACVR a Madonna di Campiglio sono stati premiati gli atleti più rappresentativi: fra questi ecco Filippo Collini campione italiano Allievi e Marta Rossetti che entrata a far parte della squadra nazionale. Un grande risultato per la società trentina insomma!

Marta Rossetti
Timothy Bonapace
Nicolò Angriman

5 COMMENTI

    • notizia vecchia, si sa già da metà di aprile. Al bachmann aveva il ruolo di DT.. ruolo non proprio rispettato nella passata stagione (provato sulla pelle del mio ragazzo) e l’ambiente che ha creato a tarvisio è proprio malsano. questo cambiamento sarà una bella news per il bachman

      • Caro Luca, sono Guido.
        Si proprio io, quello che tuo figlio ha provato sulla sua pelle…
        Fermo restando che ognuno è libero di esprimere le propri opinioni, credo che affermare che io abbia creato ambienti malsani mi sembra alquanto offensivo ed inopportuno.
        Non sono preoccupato di quanto scrivi perché so quanto ho fatto di buono a Tarvisio sopratutto per i miei ragazzi e per tuo figlio.
        Fortunatamente molti NON la pensano come te, probabilmente non hanno bisogno di ricevere servigi a fronte di dichiarazioni come la tua.
        A tal proposito ti inoltro mail appena ricevuta da un genitore di un compagno di squadra di tuo figlio.
        Buona lettura….
        Gentile Guido,
        ho sentito con piacere che hai telefonato a Mio figlio.
        Era molto contento, anche se gli ho spiegato che era lui a doverti chiamare allievo/maestro…
        L’altro giorno parlavo con altri genitori di tuoi atleti e si diceva come il progetto Tarvisio/Bachmann non poteva calzare sulla tua persona : troppo divario tra la tua professionalità e lettura del lavoro, rispetto agli interessi ed i traguardi spesso mediocri che ci si pone in quella organizzazione.
        In qualche maniera, magari con qualche ferita, sei riuscito ad uscirne, e quindi guardiamo il futuro in positivo, anche se le strade si sono divise…
        Ringrazio ancora te per la disponibilità, ed anche se non ti abbiamo molto “disturbato” durante la stagione (siamo fatti un po’ così…) conservo la scoperta della tua personalità in occasione di un fine stagione difficile e complicato per tutti.
        Spero che Vi siate organizzati, familiarmente parlando : l’altro giorno ho visto dalla finestra del nostro appartamento, tuo figlio che giocava a pallone….
        Un saluto a Simona ed al resto della famiglia, e che Tarvisio non sia solo un brutto ricordo, ma un’esperienza per valorizzare meglio altre opportunità, come magari quella di essere rientrato a casa (Madonna di Campiglio) più convinto e carico, anche dopo tanti anni di impegno professionale sul medesimo territorio.
        Un abbraccio

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.