Ushuaia: Nadia Fanchini rientra in Italia. Ultimi giorni per le altre ragazze

La bresciana di Montecampione ha terminato il suo lavoro su neve invernale in Argentina. Il resto del gruppo si ferma fino a lunedì 26 settembre

0
Da sinistra: Brignone, Nadia Fanchini, Bassino, Pirovano, Goggia e Marsaglia a Ushuaia (@Pag. FB ufficiale Fanchini)

Dopo tre settimane abbondanti di lavoro su neve invernale in Argentina, a Ushuaia, Nadia Fanchini, partita alla volta del Sud America con Brignone, Elena Curtoni e Marsaglia in anticipo rispetto alle altre polivalenti (Bassino e Goggia) e alle velociste (Delago, Gasslitter, Schnarf ed Eelna Fanchini), sta rientrando in queste ore in Italia (mercoledì 21 settembre), anche per evitare di sforzare troppo le sue ginocchia delicate che non possono sopportare carichi elevati per troppe giornate consecutivi, nonostante i riposi previsti. Rientro ovviamente concordato con lo staff azzurro, mentre le citate Federica e Francesca torneranno con le altre compagne lunedì 26 settembre. Nadia ha lavorato in gigante e anche in velocità in Argentina e ora si preparerà per Sölden (gara femminile prevista il 22 ottobre) sui ghiacciai europei.

Nadia Fanchini a Ushuaia con Felix Neureuther (@Pag. FB ufficiale Fanchini)
Nadia Fanchini a Ushuaia con Felix Neureuther (@Pag. FB ufficiale Fanchini)

LAVORO –  Per le altre ragazze oggi, mercoledì 21 settembre, ultimo giorno di riposo prima del blocco finale di lavoro previsto fino a domenica 25 settembre. A Ushuaia sono rimaste Federica Brignone, Francesca Marsaglia, Marta Bassino, Nicol Delago, Elena Fanchini, Verena Gasslitter, Sofia Goggia, Laura Pirovano e Johanna Schnarf. Ultimamente le ragazze si sono cimentate con grande attenzione sulla velocità, agli ordini del capo allenatore Matteo Guadagnini, con lunghe manches (circa 1’20”) di supergigante. Anche nella località sudamericana le temperature si sono mantenute abbastanza elevate, tuttavia le condizioni della neve permangono buone grazie all’ottimo lavoro svolto dallo staff tecnico, il quale ha provveduto a ripulire quotidianamente la pista anche dalla presenza dei sassi che spuntavano sul pendio. La forma delle atlete è definita soddisfacente dallo staff.