SuperG tricolore: Casse su Bosca. A Schieder titolo Giovani e GPI

SELLA NEVEA LIVE - Sulla Canin oggi tempo di superG tricolore. Da martedì prove tecniche al Monte Pora

8
Il podio del superG Assoluto @Gabriele Pezzaglia

Si chiude la due giorni tricolore friulana griffata Sci Club 70 Trieste con il superG sulla pista Canin di Sella Nevea, gara valida sempre come campionato Assoluto e Giovani, oltre che tappa del Gran Premio Italia Giovani e Senior. E’ stato il poliziotto Mattia Casse a mettersi al collo la medaglia d’oro dopo l’argento di ieri in discesa.

ARGENTO BOSCA, BRONZO DE ALIPRANDINI – Il portacolori delle Fiamme Oro ha regolato Guglielmo Bosca dell’Esercito, che si conferma vice campione assoluto della specialità. Casse lo precede di 26 centesimi. Medaglia di bronzo invece per Luca De Aliprandini: il finanziere è a 54 dalla vetta della classifica. Il vincitore della Coppa del Mondo di discesa Peter Fill è quarto, davanti ad un ottimo Michelangelo Tentori del Lecco quinto e al forestale Emanuele Buzzi sesto. Riccardo Tonetti e il vincitore della combinata Matteo De Vettori, entrambi delle Fiamme Gialle, sono settimo e ottavo.

SCHIEDER CAMPIONE ITALIANO GIOVANI – Nono il carabiniere Florian Schieder, che si aggiudica anche il titolo di campione italiano Giovani e la tappa di velocità del Gran Premio Italia. A chiudere la top ten assoluta ecco il poliziotto Paolo Pangrazzi. Sul podio Giovani c’è il carabiniere Alexander Prast e ancora Carabinieri con il campione della discesa di categoria Federico Paini.

BOSCA E SCHIEDER NEL GPI – La classifica GPI Senior Bosca su Tentori, fra i Giovani invece con Schieder e Prast ecco l’Aspirante Nicolo Molteni del Lecco AC.

ORA ASSOLUTI DI GS E SL AL PORA – Dopo la velocità nel tarvisiano, i tricolori Assoluti si spostano nella bergamasca: martedì al Monte Pora gigante maschile e slalom femminile, mercoledì invece in programma gigante donne e slalom uomini. Rassegna griffata Sci Club Radici. 

8 COMMENTI

  1. Caro Dino, visto che non e’ la prima volta che intervieni in difesa di comportamenti non del tutto corretti di qualche atleta o di qualche assurda decisione federale, ecco che in questo caso intervengo anch’io perché voglio farti sapere di condividere le perplessità che sono venute a @indiscreto2. Non leggo nelle sue parole nessun atto di accusa nei confronti di Innerhofer, ma solo una sottolineatura ironica di come in Fisi non ci siano regole. Anzi se la vuoi sapere tutta indiscreto2 e’ stato fin troppo soft nel suo intervento. Perché non é accettabile che la Federazione permetta a quello che da tempo dovrebbe essere il leader di un movimento, certi comportamenti. Se agli assoluti manca mio figlio, nessuno se ne accorge, ma se manca qualche big qualcuno ci rimane male e la manifestazione perde un po’ di valore (poi vi lamentate che gli sponsor scappano…..). Ma lo sai che negli ultimi 8 anni il Sig. Innerhofer si è presentato solo 4 volte al cancelletto di partenza di una prova dei CIA, evidentemente alla Fisi va bene cosi! Ti ricordi quando nel 2014 a Livigno dopo una prima manche di scarsa qualità il caro Inner ha preferito tirarsi fuori nella seconda e nella DH del giorno successivo nemmeno si e’ presentato per impegni fotografici in Rinascente (desideri che faccia un copia-incolla di quanto hai scritto in quei giorni per giustificarne l’assenza?). Preferisci invece argomentare sulle metodologie attuate per organizzare prima delle Olimpiadi di quell’anno la famosa gara farsa di Pila? O vogliamo parlare delle “regole/norme” relative all’accesso Master Istruttori? Suvvia!! Non sarei intervenuto, perché sostanzialmente non me ne può fregare di meno né di Innerhofer né di quello che fa la Fisi, ma leggere i tuoi post mi ha fatto ribollire il sangue. Ma che giustificazione e’ dire che e’ andato in Slovenia per fare punti in un GS (Monte Pora no vero?) e che non era un SG, che la penalità e’ venuta minima lo stesso e che la norma é una norma ma può anche non essere un norma perché ci sono delle persone che ci mettono la faccia? Ma quale faccia ci mettono? Sto parlando dei Campionati Italiani Assoluti. Se vuoi difendere certi atteggiamenti nessuno ti biasima e nessuno ti offende, affari tuoi, ma e’ assurdo che tu possa rigirare la frittata accusando un utente blog di non firmarsi, cosa cambia? Avresti risposto diversamente a Mario Rossi? 2 anni fa parlammo dello stesso argomento e ci misi la faccia, hai fatto qualcosa perché certe cose non avvenissero più? O te ne sei dimenticato? Qui se non l’hai inteso parlo di deontologia e rispetto, fosse anche solo verso quei 7 ragazzi del 1999 che forse avrebbero gioito nel sapere di essere nella starting list insieme ad Innerhofer. Abbiamo una visione diversa dello sport, per te anzi per voi da tempo e’ diventato un lavoro per me ha ben altri significati. Ciao Riccardo Nogara. Per quanto riguarda la faccia se la ritieni importante ti mando un selfie su whatsapp.

    • Premetto che sono d’accordo sul fatto che tutti gli atleti di alto livello siano presenti ai CIA, per esempio in altre Nazioni gli atleti hanno l’obbligo di partecipare ad almeno una disciplina. Detto questo, c’è modo e modo di chiedere le cose, nascondendosi dietro ad un nickname si ha la presunzione di avere la verità in tasca, al posto di criticare si potrebbero fare proposte per cambiare delle regole. Tu dici che noi lo vediamo come un lavoro e hai perfettamente ragione, credi che Innerhofer vadain giro per tutte le alpi a cercare dei giganti perchè si diverte? Mi fermo qui e non ho nient’altro da aggiungere. Come hai scritto tu abbaimo avuto modo di parlare 2 anni fa e continuo a pensarla nello stesso modo, mi hai scritto una mail con 20 domande credendo che non ti avrei risposto e già allora hai sbagliato, come ti ho già detto parli di cose che non conosci, comunque io ho sempre lo stesso indirizzo mail e lo stesso numero di telefono, il tuo selfie non mi serve ma se hai altre domande sono sempre disponibile al confronto.

    • Ahhh perfetto. Nell’Agenda dello Sciatore 2015/16 al Punto 3.3.1 (pag.57 – Gare Internazionali) c’e’ scritto in grassetto: “in concomitanza a gare Fis in Italia le richieste di norma non vengono accettate”. Evito commenti….

      • Come hai citato, c’è scritto “di norma” mi pare che la penalità sia venuta comunque minima, quindi chi di dovere si sarà fatto i suoi calcoli, ovvero far venire minima la penalità ai CIA e fare in modo che un atleta avesse la possibilità di provare ad abbassare i punti in una disciplina che non è la sua.
        Comunque è proprio con queste critiche costruttive che si cresce, grazie.
        Christian Corradino

        • Caro Dino devo pertanto dedurre che quelle che nell’Agenda dello Sciatore vengono definite in grassetto: “3.0 Norme Generali Fisi” (pag. 34) oppure le “3.1 Norme per la Classificazione degli Atleti” (pag. 37) potrebbero anche essere disattese? Oppure che è Vietato ma non è Severamente Vietato ….. Saluti

          • No, puoi dedurre che di norma si fa in un modo ma potrebbe esserci un’eccezione. Probabilmente chi ha preso la decisione di permettere a Innerhofer di andare a fare una gara in concomitanza con i CIA ha fatto le sue valutazioni mettendoci la propria faccia e comunque Innerhofer è andato a fare un GS e non un SG. “di norma” quando si accusa qualcuno di aver violato delle regole ci si firma, DI NORMA… Ma ci sono delle eccezioni. Possiamo sapere che danno ti ha arrecato l’assenza di Inner?